Ticino, 04 febbraio 2019

Bignasca: "Ex-funzionario DSS: ci vuole chiarezza e assunzione delle responsabilita!"

Il deputato leghista Boris Bignasca interpella il Governo ticinese sul caso dell'ex-funzionario del DSS e invoca un'assunzione di responsabilità dalle autorità cantonali

Sulla vicenda dell’ex-funzionario del DSS, a tenere banco in questi giorni, è stato, oltre alla sentenza di condanna, il preoccupante scenario di omertà che è emerso in seno al DSS; tralasciamo l’entità della pena che ha fatto molto discutere all’interno l’opinione pubblica. Infatti, dai retroscena della vicenda così come emersi in aula e riportati dai media, si apprende che vi sarebbero stati alti funzionari che, in violazione ai precisi doveri di segnalazione che a loro incombono, non hanno dato seguito alle dichiarazioni della vittima. Non è in alcun modo accettabile che un funzionario pubblico, venuto a conoscenza di possibili reati penali perseguibili d’ufficio, si prenda la libertà di decidere di non segnalare la situazione alle autorità competenti.

Stante la gravità della situazione emersa, si chiede al lodevole Consiglio di Stato:

1) Chi è o chi sono gli alti funzionari che erano a conoscenza dei fatti e che non hanno dato seguito alle accuse della ragazza?
2) Di quali fatti era o erano stati resi edotti i funzionari DSS?
3) Per quale ragione i funzionari in questione hanno considerato di non doversi rivolgere alla competenti autorità di perseguimento penale? Vi sono stati ulteriori accertamenti per verificare la versione della vittima?
4) Corrisponde al vero che a fronte delle dichiarazioni della vittima vi sia stato un alto funzionario che ha organizzato un vero e proprio confronto tra le parti?
5) Esiste un rapporto sul caso negli archivi del DSS? In caso di risposta negativa per quale motivo non è stato fatto un rapporto?
6) Come intende procedere il Consiglio di Stato nei confronti del o dei funzionari al corrente dei fatti?
7)  Corrisponde al vero che uno degli alti funzionari che all’epoca erano responsabili del Dipartimento interessato sieda attualmente nel Consiglio della magistratura? Che ruolo ha avuto tale nella vicenda?
8) Vi sono stati nel corso degli anni altre segnalazioni da parte di dipendenti cantonali nei confronti del funzionario condannato?
9) Quali misure sono state adottate da parte della direzione del DSS nei confronti del funzionario condannato in seguito alla segnalazione? Chi ha deciso di non licenziare il funzionario e per quale motivo?
10) A che punto è la procedura di licenziamento del funzionario condannato avviata dal DSS?
11) Il funzionario percepisce ancora il salario?
12)  Se no, quali sono state le condizioni di disdetta del rapporto lavorativo?


Cordialmente,

Per il gruppo parlamentare della Lega dei Ticinesi,
Boris Bignasca

Guarda anche 

Infermiere arrestato, svolta nell'inchiesta: è accusato di omicidio intenzionale

Nell'ambito del procedimento penale per sospetti maltrattamenti in danno di alcuni pazienti del reparto di Medicina 1 dell'Ospedale regionale di Mendrisio, il Min...
22.02.2019
Ticino

Si esamina la revoca della nazionalità per gli Jihadisti elvetici

Cifre sicure non ce ne sono ma, secondo quanto riporta la Neue Zürcher Zeitung, delle venti persone partite dalla Svizzera per la Jihad e ancora presenti nelle zone ...
22.02.2019
Svizzera

Carnevale da incubo per una 19enne: nel drink le mettono la droga dello stupro

Nina, 19enne di Basilea, probabilmente ha chiuso con il carnevale. Durante i festeggiamenti a Rheinfelden (Germania), alla ragazza è stata messa a tradimento la dr...
22.02.2019
Svizzera

GALLERY - La compagna era incinta, Martial flirtava con un’altra: alla fine arrivano le scuse

MANCHESTER (Gbr) – Alla fine ci ha pensato direttamente lui a chiarire la situazione: Anthony Martial, infatti, è uscito allo scoperto chiedendo scusa tramit...
22.02.2019
Sport