Opinioni, 04 febbraio 2019

Amanda Rückert - Ridefinire le priorità della socialità: una delle sfide più importanti della politica del nostro Cantone

Un’affermazione possiamo sistematicamente leggere quando vengono resi pubblici i dati della SECO è che la disoccupazione in Ticino è calata rispetto al valore precedentemente rilevato. Quindi “tout va très bien madame la marquiese”. Eh no,  le cifre della SECO necessitano di essere relativizzate e sicuramente non fotografano il reale stato di salute del mercato del lavoro ticinese. Esse tengono infatti conto solo del numero di coloro che si sono registrati presso gli URC, che sono senza un impiego e sono immediatamente collocabili. E secondo i più recenti rilevamenti dalla SECO, nel mese di dicembre 2018 il tasso di disoccupazione in Ticino sarebbe stato pari al 3.3%. Sfuggono tuttavia a tali dati tutte le persone che non sono iscritte a un URC e – soprattutto – tutte le persone poste a beneficio dell’assistenza.

Un’altra statistica periodicamente diffusa stima la percentuale di disoccupati secondo i criteri elaborati dall’organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e considera disoccupate tutte le persone in età compresa tra i 15 e i 74 anni che rispondono contemporaneamente alle seguenti tre condizioni: non erano occupate nel corso della settimana di riferimento, hanno cercato attivamente un posto di lavoro nelle quattro settimane precedenti ed erano disposte ad iniziare un’attività nel medesimo periodo, indipendentemente dalla loro iscrizione ad un URC.

E l’ultimo dato disponibile calcolato secondo questi criteri ed aggiornato al mese di gennaio del 2019 mostra una situazione tutt’altro che rosea: la disoccupazione in Ticino si attesta al 7%. Ma al di là degli scontri accademici relativi al dato più affine alla realtà, ritengo che basterebbe alzare la testa per farsi un’idea del mondo del lavoro ticinese, che non è positivo come alcuni cercano di dipingerlo.

È invece necessario un intervento più incisivo e a 360 gradi, in grado di ridefinire le priorità dello Stato e il sistema con cui vengono elargiti i sussidi e gli aiuti sociali, altrimenti il rischio è quello del tracollo e di arrivare ad una situazione in cui i costi della socialità non saranno più sopportabili. Ci sono persone che devono forzatamente far capo agli aiuti elargiti dallo Stato poiché non sono nella situazione di poter provvedere a loro stesse solo grazie allo stipendio. Si tratta di persone obbligate ad accettare un lavoro a tempo parziale, ci sono cittadini costretti a ricorrere a vari sostegni sociali offerti dallo Stato quali ad esempio riduzioni dei premi di cassa malati, borse di studio o assegni integrativi per riuscire a sbarcare il lunario, poiché percepiscono uno stipendio che non permette loro nemmeno di coprire le spese essenziali.

E ad una spesa sociale in continua crescita si affianca la diminuzione del potere d’acquisto dei ticinesi, che quindi non riescono a contribuire a “far girare” l’economia locale. A questi ticinesi non si può fare una colpa se per una cena in famiglia o per la spesa mensile scelgono di recarsi oltre confine, dove i prezzi sono nettamente più bassi che dalle nostre parti.

Bisogna invece chinarsi seriamente, senza pregiudizi ed analizzando la situazione a tutto campo, ridefinendo le priorità della socialità, intervenendo attivamente con misure fiscali o di altro genere per privilegiare l’imprenditorialità virtuosa, che conferisce salari dignitosi e privilegia l’assunzione dei residenti, attivare e applicare principi già da tempo approvati dal popolo, quali il salario minimo e la preferenza indigena.

Da sola nessuna misura è la panacea di tutti i mali, ma l’analisi  e la formulazione di proposte, partendo da una fotografia reale e oggettiva della situazione in cui versa la popolazione del nostro Cantone è uno dei più ardui compiti che spettano alla politica ticinese dei prossimi anni. La ricetta magica non esiste: occorre collaborazione, dialogo, studio e conoscenza della realtà, ovvero elementi determinanti, che meglio possono consentire alla classe politica di fare il meglio per la nostra popolazione.


Amanda Rückert
Deputata Lega dei Ticinesi in Gran Consiglio

Guarda anche 

Berset ha usato fondi pubblici per coprire la sua relazione extraconiugale? Il Consiglio nazionale vuole fare chiarezza

Alan Berset aveva effettivamente fatto ricorso a risorse statali per evitare che la sua relazione extraconiugale diventasse di dominio pubblico? È ciò che u...
25.10.2021
Svizzera

L'UE vuole vietare l'alcol al volante e generalizzare il limite di 30km/h nei centri abitati

Il Parlamento europeo mercoledì scorso ha adottato a larga maggioranza una risoluzione che chiede la tolleranza zero per la guida in stato di ebbrezza e una genera...
11.10.2021
Mondo

Dodici paesi europei chiedono all'UE di costruire una barriera "anti-migranti" ai confini esterni

Dodici paesi membri dell'Unione Europea, tra cui Austria, Grecia, Polonia e Ungheria, hanno chiesto a Bruxelles di finanziare la costruzione di barriere alle loro fro...
09.10.2021
Mondo

Miliardo di coesione all'UE, "un cedimento che avrà conseguenze deleterie per la Svizzera"

La Lega dei Ticinesi, in un comunicato stampa trasmesso giovedì sera, deplora la "sciagurata" decisione del parlamento di versare il contributo di coesio...
01.10.2021
Svizzera