Mondo, 04 febbraio 2019

Partita per unirsi all'ISIS in Siria, oggi chiede di fare ritorno

Léonora ha oggi 19 anni, ma si direbbe che ne ha trenta. Dopo quattro anni nel territorio controllato dall'ISIS, è fuggita dall'ultimo gruppo jihadista nella provincia di Deir Ezzor, nell'est della Siria, dove i combattenti curdi e arabi delle Forze Democratiche Siriane (FDS) stanno ancora combattendo quello che rimane del celebre gruppo terroristico.

Come lei, migliaia di persone hanno lasciato le ultime aree controllate dall'ISIS. Sono accolti dal FDS, che svolge ampie ricerche e interrogatori, per identificare i jihadisti o le loro famiglie tra la massa di civili.

Arrivata nel marzo 2015 nella Siria in piena guerra insieme alla sua migliore amica, si è sposata tre giorni dopo il suo arrivo.

"Sono rimasto a casa a cucinare e pulire" racconta la madre di due figli all'agenzia AFP. Sostiene di essere stata ingannata dalla propaganda dell'ISIS sui social media.

Al suo fianco c'è un'altra moglie di suo marito, il jihadista Martin Lemke, che a sua volta è stato arrestato giovedì dall'FDS con una parte della sua famiglia.

"Tutto andava bene"

Gli uomini vengono messi a parte, stanno seduti e i combattenti siriani li tengono d'occhio.

Diverse centinaia di jihadisti stranieri sono ora trattenuti dalle forze curde che combattono l'ISIS con l'appoggio di una coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

Gli uomini sono in prigione, mentre le donne rimangono, con i loro figli, sotto la sorveglianza dei siriani nei campi per sfollati nel nord della Siria.

Questo problema è un vero grattacapo per l'amministrazione semi-autonoma curda, che si rifiuta di giudicare i combattenti stranieri e chiede il loro ritorno nel loro paese d'origine. Ma i governi occidentali sono riluttanti.

Molti combattenti stranieri sarebbero ancora trincerati nei quattro chilometri quadrati che i jihadisti difendono ferocemente vicino al confine iracheno.

Leonora sostiene di aver vissuto principalmente a Raqqa, l'ex capitale "de facto" dei jihadisti nel nord della Siria, conquistata nell'ottobre 2017 dal FDS.

"All'inizio, andava tutto bene, quando avevano grandi città e un sacco di soldi" ricorda la donna.

"Quando hanno perso Raqa, abbiamo iniziato a cambiare casa ogni settimana. Hanno perso una città ogni settimana " continua.

Dopo un'avanzata spettacolare nel 2014 con la conquista di vasti territori in Siria e Iraq, l'ISIS ha visto il suo autoproclamato "califfato" collassare sotto i colpi di molteplici offensive.

Vicino al villaggio di Baghouz, preso in parte ai jihadisti daa FDS, decine di donne in niqab, soprattutto irachene, siedono con i loro figli, borse e passeggini, occasionalmente, in attesa di trasferimento verso i campi di sfollati.

"Rivoglio la mia vecchia vita"

Più di 36'000 persone sono fuggite da queste aree della Siria orientale dall'inizio di dicembre, principalmente famiglie dell'IS, secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani (OSDH). Tra questi, oltre 3'200 jihadisti, secondo la stessa fonte.

Leonora assicura che suo marito - che, stando a lei, è arrivato in Siria nel novembre 2014 accompagnato dalla sua prima moglie, Julie M., residente in Francia - non era un combattente, ma solo uno informatico. "Sistemava computer e portatili" aggiunge.

Tuttavia, secondo le informazioni della stampa tedesca, il signor Lemke faceva parte di Hisba, la polizia religiosa dell'IS, prima di unirsi agli "Amniyat", i servizi segreti del ISIS.

Leonora afferma di aver provato a fuggire diverse volte. Una volta, sarebbe persino stata arrestata dall'ISIS e imprigionata.

Oggi, dice di non avere più illusioni sui jihadisti. "Hanno lasciato le donne da sole, senza cibo, non si preoccupano di noi" dice con rabbia.

Ora spera di tornare nel suo paese. "Voglio tornare in Germania con la mia famiglia. Voglio ritrovare la mia vecchia vita. Ora so che è stato un errore".

Guarda anche 

"Cattolico di m..." e lo accoltella: brutale aggressione a Roma

Una lite tra due senzatetto sabato a Roma, alla stazione Termini, si è trasformata in pochi istanti in un'aggressione violenta a colpi di coltello. Come riferi...
24.04.2019
Mondo

Brucia un simbolo cristiano ed i musulmani esultano

L’incendio alla cattedrale di Notre-Dame è stato un duro colpo al cuore dell’Occidente cristiano. Non tanto per il valore artistico di quanto andato in...
23.04.2019
Mondo

Donna muore per le botte ricevute, arrestato il marito

Un cittadino serbo di 66 anni, è stato posto in detenzione preventiva domenica a San Gallo dopo esser stato arrestato venerdì. Sua moglie era stata trovata ...
22.04.2019
Svizzera

Stop delinquenti stranieri! “Carlos” via dalla Svizzera!

Proprio vero che il lupo perde il pelo ma non il vizio! Vi ricordate del giovane delinquente straniero (sudamericano) noto con lo pseudonimo di “Carlos”? Quel...
21.04.2019
Svizzera