Svizzera, 26 gennaio 2019

L'UDC si scaglia contro l'UE, la sinistra e la "fallimentare" politica migratoria della Svizzera

Chi vuole una Svizzera libera e sicura "non può che votare per l'UDC il prossimo autunno" alle elezioni federali. Questo è il credo proclamato sabato dal presidente dei democentristi Albert Rösti di fronte a circa 370 delegati riuniti oggi in assemblea a Gossau (SG).

Rosti ha citato Guglielmo Tell, Arnold von Winkelried o Nicola de la Flue come simboli di autodeterminazione e di opposizione alle potenze straniere. Ha ribadito la contrarietà del suo partito all'accordo quadro con l'Unione europea (UE) e criticato la politica migratoria della Svizzera.

"Siamo allo stesso punto di 27 anni fa con il voto sullo spazio economico europeo: le elezioni federali di quest'anno saranno decisive per il futuro della Svizzera", ha detto il presidente dell'Udc davanti ai membri del suo partito.

Durante la prossima legislatura "la Svizzera dovrà decidere se sottomettersi a Bruxelles oppure no. È compito dell'UDC, unico partito a combattere la libera circolazione delle persone, di mettere in guardia i cittadini contro un accordo quadro che non è necessario" ha aggiunto Rösti.

Attacco frontale contro il PS

Il presidente dell'UDC ha in seguito attaccato il partito socialista, che accusa di voler spingere la Svizzera nell'Unione europea, nonostante la sua riluttanza all'accordo quadro che minaccia la protezione dei salari. "Comprendiamo il gioco svolto dalla sinistra quando sentiamo Christian Levrat dire "Vogliamo negoziare di nuovo dopo le elezioni ". (...) La sinistra prima o poi farà concessioni in termini di protezione salariale" ha affermato Rösti.

In generale, il consigliere nazionale bernese ha accusato la sinistra di mantenere un rapporto travagliato con il paese, "coloro che negano e disprezzano il paese sono anche i primi ad accorrere alle porte dell'Unione europea al fine di distruggere le basi dell'identità svizzera ".

Politica migratoria svizzera "fallimentare"

Albert Rösti ha poi sottolineato l'impegno dell'Udc per limitare l'immigrazione e a favore di una politica di asilo più rigorosa. Critica la "mancanza di integrazione di migranti economici alcolizzati" che passano la giornata a fare nulla e vivono nel benessere a spese del contribuente. Per Rösti la Svizzera "ha un problema con gli stranieri" e critica l'aumento dei costi dell'asilo nonostante un numero di richiedenti l'asilo in diminuzione.

Infine, il presidente dell'Udc ha ricordato alcune delle richieste elettorali del partito nel campo della sicurezza. La durata massima delle pene detentive dovrebbe essere aumentata da 20 a 60 anni e la violenza contro i funzionari pubblici dovrebbe essere punita più severamente, secondo il partito.

(Fonte: 20minuten.ch)

Guarda anche 

I contadini contro l'Accordo quadro, "a rischio una produzione agricola senza OGM"

La Camera dell'agricoltura dell'Unione Svizzera dei contadini (USP) si è pronunciata mercoledì contro l'accordo istituzionale con l'UE "...
24.04.2019
Svizzera

I salari si difendono solo stando alla larga dall’UE

Come detto in più occasioni, la battaglia determinante per il futuro della Svizzera è quella sui rapporti con la fallita UE. I funzionarietti di Bruxelles, ...
24.04.2019
Svizzera

Canone più caro d’Europa: le giravolte dell’economia

Prosegue il circo sul canone radioTV più caro d'Europa. I rappresentanti dell’economia oggi protestano per l'imposizione delle imprese. Ma è u...
22.04.2019
Svizzera

Dittatura Young Boys: quanto durerà?

BERNA - Nell’estate 2017 pubblicammo un servizio in cui, fra il serio e il faceto, si chiedeva allo Young Boys di mettere fine ad una serie di successi ormai l...
23.04.2019
Sport