Mondo, 21 gennaio 2019

Italia, famiglia dipendente dal computer vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo

Ha dell'incredibile la vicenda di una famiglia del Salento, nel centro Italia, rinchiusa in casa da due anni e mezzo per dedicarsi al computer riportata dal portale salentino "la gazzetta del mezzogiorno". Le quattro persone, i genitori, un figlio di 15 anni e una bambina di 9, si sono nutriti solo di merendine, biscotti e caramelle, che venivano acquistati dalla più piccola, quindi l'unica di tutta la famiglia ad aver lasciato l'abitazione in tutto questo tempo.

La pensione del padre 40enne avrebbe permesso ai quattro di sopravvivere in tale situazione di autosegregazione, finchè la situazione è venuta alla luce grazie alla segnalazione degli insegnanti della bambina, insospettiti dalle pessime condizioni in cui la piccola si presentava a scuola.

Padre, madre e figlio hanno quindi trascorso tutto quel tempo immobili davanti al computer, tra giochi e navigazione sul web, interagendo quindi solo virtualmente con il mondo circostante. Un isolamento patologico che li ha portati a dimenticare anche il fatto di essere una famiglia.

Hanno iniziato con il non riunirsi insieme attorno ad un tavolo per consumare il pranzo: ognuno ha cominciato a portare i viveri davanti allo schermo, poi hanno gradatamente dilatato il tempo notturno di permanenza al computer per essere ossessivamente, sistematicamente on-line, sino a perdere ogni equilibrio, ogni sana relazione e la salute.

Il ragazzo ha vissuto davanti al suo laptop nutrendosi sporadicamente e senza lavarsi. Ridotto praticamente ad essere uno scheletro che cammina, ha dovuto fin da subito intraprendere una lunga fisioterapia per rimettere in movimento gli arti completamente anchilosati dall’immobilità persistente. Ad ottobre, quando il ragazzo è stato ricoverato, i piedi erano completamente piagati, ricoperti da ferite infette che hanno reso necessaria una forte terapia antibiotica.

Il fenomeno dell'autoisolamento ai tempi di Internet e del cibo a domicilio a portata di click non è nuovo e porta il nome di "sindrome di Hikikomori", parola giapponese che significa "isolazione". Sebbene raramente siano emersi casi così gravi e che riguardano intere famiglie, la sindrome colpisce soprattutto i giovani, maggiormente familiari con le nuove tecnologie rispetto alle generazioni precedenti, e riguarda in particolare i paesi con un welfare più avanzato, dove è più facile ottenere qualche tipo di reddito senza lavorare.

Un problema spesso invisibile perchè difficilmente si riesce a individuare chi ne è colpito, in una società in cui le relazioni famigliari e personali si fanno sempre più virtuali se non assente, in cui è facile nascondersi dietro un "tutto bene" battuto su una tastiera di qualche applicazione virtuale.

Guarda anche 

Aveva aggredito due donne a Lecco, non verrà processato

Non sarà processato il 24enne togolese che un mese fa aggredì due donne in un sottopassaggio della stazione ferroviaria di Lecco (vedi articoli correlati). ...
14.10.2019
Mondo

Como, 13enne rapinata e violentata da due connazionali

Una tredicenne nigeriana è stata violentata a Como da due connazionali ventenni, che sono poi stati arrestati per violenza sessuale su minorenne nella notte tra sa...
10.10.2019
Mondo

Trieste, ladro sudamericano spara in Questura: morti due poliziotti

Ieri pomeriggio due poliziotti sono stati uccisi all'interno della Questura di Trieste da un rapinatore straniero che avevano arrestato poco prima. L'autore, come...
05.10.2019
Mondo

Il razzismo nel calcio? “Peggio chi simula”. La gaffe dell’anno arriva dall’Italia

ROMA (Italia) – Il razzismo nel calcio è sempre un tema che fa discutere e chiacchierare. FIFA e UEFA da anni combattono questo problema, anche con prese di ...
27.09.2019
Sport