Magazine, 15 gennaio 2019

Cannabis: bastano pochi spinelli per alterare il cervello dei giovani

Il risultato della ricerca americana sta provocando altri quesiti in merito alla legalizzazione della sostanza per uso ricreativo

NEW YORK (USA) -  Pochi spinelli sono sufficienti per alterare la struttura del cervello negli adolescenti. È quanto emerge da uno studio dei ricercatori dell’Università del Vermont. Un anomalo incremento del volume della corteccia cerebrale, in corrispondenza con le aeree delle emozioni e della memoria: ecco quello che è stato osservato per la prima volta nei quattordicenni che avevano consumato cannabis
sporadicamente.

Tale risultato, ovviamente, ha aperto nuove interrogativi sulla legalizzazione della sostanza a scopo ricreativo. Gli adolescenti sono stati esaminati in Gran Bretagna, in Irlanda, in Francia e in Germania: 46 i quattordicenni che avevano fatto uso di cannabis appena una o due volte.

Gli aumenti di volume di materia grigia sono state osservate nell’amigdala e nell’ippocampo.

Guarda anche 

"Abbiamo visto in classe perchè gli stranieri sono importanti", la propaganda immigrazionista della scuola ticinese

Sta circolando in queste ore un'immagine che ritrae un (presunto) compito in classe di geografia di una scuola ticinese (vedi foto sopra) in cui la prima domanda post...
28.05.2019
Ticino

Verso una liberalizzazione della cannabis? Il parlamento entra in materia sulla distribuzione controllata

Prove pilota di distribuzione di cannabis potrebbero presto essere realtà in Svizzera. La Commissione per la salute pubblica del Consiglio nazionale ha infatti app...
03.05.2019
Svizzera