Svizzera, 14 gennaio 2019

Dipendente del DFAE sospettato di pedopornografia

La Svizzera è stata informata a fine aprile 2018 dagli Stati Uniti. Del caso se ne occuperà la giustizia bernese

Guai in vista per un dipendente del Dipartimento federale degli affari esteri, impiegato in Italia. L'uomo, infatti, è sospettato di aver condiviso materiale pedopornografico utilizzando server della Confederazione.

Del caso, su richiesta del Tribunale penale federale (TPF), se ne occuperà la giustizia bernese. Il TPF comunica inoltre che la Svizzera è stata informata del caso a fine aprile 2018 dagli Stati Uniti.

Le ricerche hanno permesso di scoprire che foto e video con bambini erano stati condivise tramite server dell'Ufficio Federale dell'informatica e della telecomunicazione (UFIT).

Guarda anche 

Si esamina la revoca della nazionalità per gli Jihadisti elvetici

Cifre sicure non ce ne sono ma, secondo quanto riporta la Neue Zürcher Zeitung, delle venti persone partite dalla Svizzera per la Jihad e ancora presenti nelle zone ...
22.02.2019
Svizzera

Carnevale da incubo per una 19enne: nel drink le mettono la droga dello stupro

Nina, 19enne di Basilea, probabilmente ha chiuso con il carnevale. Durante i festeggiamenti a Rheinfelden (Germania), alla ragazza è stata messa a tradimento la dr...
22.02.2019
Svizzera

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera