Svizzera, 14 gennaio 2019

I due "svizzeri" arrestati in Marocco radicalizzati alla moschea di Ginevra

L'inchiesta sul duplice omicidio di due turistie scandinave in ​​Marocco (vedi articoli correlati) ha portato all'arresto di due persone con il passaporto svizzero, oltre a quello inglese in un caso e spagnolo nell'altro, che vivono nel Maghreb. Sabato, la "Tribune de Genève" ha rivelato che uno di loro era schedato dalla polizia francese come "fichè S" (persona potenzialmente pericolosa per la sicurezza nazionale) e che i due uomini si erano incontrati alla moschea di Petit-Saconnex, a Ginevra.

Dal marzo 2018, la moschea ha una nuova direzione. Prima, la moschea ha avuto anni difficili. Diversi "fichè S" hanno operato come imam o come agenti di sicurezza, scrive sempre la "Tribune de Geneve". È in questo contesto che un gruppo di giovani, incluso almeno uno degli arrestati, si è progressivamente radicalizzato.

"Ci sono bombe a orologeria di cui non sappiamo nulla"

"Ci sono stati grandi fallimenti, una totale mancanza di sorveglianza che ha permesso ad alcune persone di incontrarsi lontano da occhi indiscreti" afferma Hasni Abidi, specialista del mondo arabo. Una situazione che non sarebbbe più rilevante: "Ora c'è un più serenità. La moschea ha promesso un cambiamento che deve passare attraverso la promozione di un Islam aperto e moderato. Questa è la sua ultima possibilità " continua.

Tuttavia "la nuova squadra eredita bombe a orologeria di cui non sappiamo nulla" sostiene Hafid Ouardiri, direttore della "Fondation de l'Inter-connaissance", che ha contatti con i responsabili della moschea. Ouardiri ritiene che "il lavoro da fare sia enorme", ma assicura che la nuova squadra si sarebbe impegnata a una "trasparenza assoluta".

Guarda anche 

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera

Non vuole portare il velo nè studiare il Corano, pestata e maltrattata dalla madre

Costretta a dormire per terra o lasciata a piedi nudi davanti a una finestra aperta, in inverno. Queste alcune delle violenze, psicologiche e fisiche, che un'ado...
21.02.2019
Mondo

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera