Mondo, 21 dicembre 2018

Due donne scandivane vanno in vacanza in Marocco e vengono uccise

Un cittadino del villaggio di lmlil ha dichiarato a Morocco World News che le forze dell'ordine hanno arrestato tre sospetti coinvolti nell'uccisione di due donne dalla Norvegia e dalla Danimarca vicino al Monte Toubkal.

Le autorità stanno ora investigando i sospettati per dimostrare e chiarire come hanno perpetrato il crimine a Imlil, un villaggio nelle montagne dell'Alto Atlante, ha detto la fonte.

La fonte ha detto che i tre maschi arrestati sono di Marrakech.

"I sospetti erano accampati nella stessa zona in cui è avvenuto l'omicidio", ha detto, aggiungendo che "i testimoni hanno visto il gruppo di notte mentre si dirigevano verso l'area dove le due turiste sono state trovate uccise".

La fonte ha aggiunto che la polizia ha identificato i sospetti attraverso telecamere di sorveglianza collocate nei negozi locali del villaggio. Uno dei sospetti, secondo la fonte, ha anche lasciato la sua carta d'identità nel campo dove lui e i suoi amici erano alloggiati.

In precedenza, l'Ufficio centrale per l'indagine giudiziaria del Marocco aveva arrestato un primo sospetto a Marrakech.

Turisti della zona hanno trovato i corpi delle vittime di omicidio. "Una guida locale ha incontrato i turisti piangendo e gli ha detto quello che ha visto." La guida ha poi chiamato la Gendarmeria reale per denunciare il crimine.

La fonte ha escluso la rapina come motivo del crimine, in quanto mancavano le proprietà delle vittime. Tuttavia, ha detto, "l'aggressione sessuale può essere stata il motivo del crimine".

Una delle donne, la ventiquattrenne Louisa Vesterager Jespersen, è venuta dalla Danimarca in Marocco nonostante il parere contrario della sua famiglia. In un'intervista con media danesi, la madre di Jespersen ha detto che l'hanno supplicata di evitare il Marocco "a causa della situazione caotica".

Informazioni dall'account Facebook di Jespersen hanno dimostrato che ha studiato per diventare una guida turistica in Norvegia prima di recarsi in Marocco. L'ultimo post sul suo Facebook era eccitato annunciando il suo viaggio. Il messaggio recita "Cari amici, [io vado] in Marocco a dicembre. Qualcuno di voi ragazzi in giro da allora o amici di montagna che sanno qualcosa del Monte Toubkal? "

L'altra vittima, la 28enne Maren Ueland, ha viaggiato dalla Norvegia con Jespersen, secondo i media norvegesi.

La madre di Ueland ha detto in un'intervista che entrambe le ragazze studiavano insieme all'Università della Norvegia sud-orientale. Hanno lasciato la Norvegia il 9 dicembre per trascorrere le loro vacanze zaino in spalla in Marocco.

Le donne sono state trovate nella loro tenda, situata a circa sei miglia da Imlil, con "segni di violenza sul collo", secondo le autorità del ministero dell'Interno, che hanno proceduto alla chiusura dell'intera area.

Nonostante la maggior parte dei media parli di morte per "pugnalate al collo" nella giornta di ieri è emerso un video in cui si vede una donna bionda essere decapitata mentre è ancora viva. Anche se non è possibile confermare l'identità della vittima, appare difficile che il video emerso non sia quello dell'uccisione di una delle due vittime.

Guarda anche 

Dieci anni fa il popolo svizzero vietò la costruzione di minareti, "una battaglia di tutti i paesi democratici"

Dieci anni fa, più precisamente il 29 novembre, il popolo svizzero accolse a larga maggioranza il divieto di edificazione di minareti. Un sì che, si disse, ...
02.12.2019
Svizzera

Germania, a Francoforte si vuole aprire la prima piscina per musulmani

Una piscina riservata ai soli musulmani. È l'idea di Abdullah Zeran, 38enne turco con passaporto tedesco residente a Francoforte, e ideatore del progetto ...
23.11.2019
Mondo

I bambini dell'ISIS minacciano gli occidentali, "vi sgozzeremo"

Mark Stone, giornalista dell'emittente britannica Sky News, si è recato in Siria per visitare il campo di prigionia di Al Hol, dove sono tenute le donne e i ba...
19.11.2019
Mondo

La Turchia ha iniziato a espellere i jihadisti "occidentali" in Europa, "sono vostri, fatene quello che volete"

La Turchia ha iniziato lunedì ad espellere i membri stranieri del gruppo dello Stato Islamico (ISIS) che detiene, annunciando il “rimpatrio” di un jiha...
11.11.2019
Mondo