Mondo, 21 dicembre 2018

Due donne scandivane vanno in vacanza in Marocco e vengono uccise

Un cittadino del villaggio di lmlil ha dichiarato a Morocco World News che le forze dell'ordine hanno arrestato tre sospetti coinvolti nell'uccisione di due donne dalla Norvegia e dalla Danimarca vicino al Monte Toubkal.

Le autorità stanno ora investigando i sospettati per dimostrare e chiarire come hanno perpetrato il crimine a Imlil, un villaggio nelle montagne dell'Alto Atlante, ha detto la fonte.

La fonte ha detto che i tre maschi arrestati sono di Marrakech.

"I sospetti erano accampati nella stessa zona in cui è avvenuto l'omicidio", ha detto, aggiungendo che "i testimoni hanno visto il gruppo di notte mentre si dirigevano verso l'area dove le due turiste sono state trovate uccise".

La fonte ha aggiunto che la polizia ha identificato i sospetti attraverso telecamere di sorveglianza collocate nei negozi locali del villaggio. Uno dei sospetti, secondo la fonte, ha anche lasciato la sua carta d'identità nel campo dove lui e i suoi amici erano alloggiati.

In precedenza, l'Ufficio centrale per l'indagine giudiziaria del Marocco aveva arrestato un primo sospetto a Marrakech.

Turisti della zona hanno trovato i corpi delle vittime di omicidio. "Una guida locale ha incontrato i turisti piangendo e gli ha detto quello che ha visto." La guida ha poi chiamato la Gendarmeria reale per denunciare il crimine.

La fonte ha escluso la rapina come motivo del crimine, in quanto mancavano le proprietà delle vittime. Tuttavia, ha detto, "l'aggressione sessuale può essere stata il motivo del crimine".

Una delle donne, la ventiquattrenne Louisa
Vesterager Jespersen, è venuta dalla Danimarca in Marocco nonostante il parere contrario della sua famiglia. In un'intervista con media danesi, la madre di Jespersen ha detto che l'hanno supplicata di evitare il Marocco "a causa della situazione caotica".

Informazioni dall'account Facebook di Jespersen hanno dimostrato che ha studiato per diventare una guida turistica in Norvegia prima di recarsi in Marocco. L'ultimo post sul suo Facebook era eccitato annunciando il suo viaggio. Il messaggio recita "Cari amici, [io vado] in Marocco a dicembre. Qualcuno di voi ragazzi in giro da allora o amici di montagna che sanno qualcosa del Monte Toubkal? "

L'altra vittima, la 28enne Maren Ueland, ha viaggiato dalla Norvegia con Jespersen, secondo i media norvegesi.

La madre di Ueland ha detto in un'intervista che entrambe le ragazze studiavano insieme all'Università della Norvegia sud-orientale. Hanno lasciato la Norvegia il 9 dicembre per trascorrere le loro vacanze zaino in spalla in Marocco.

Le donne sono state trovate nella loro tenda, situata a circa sei miglia da Imlil, con "segni di violenza sul collo", secondo le autorità del ministero dell'Interno, che hanno proceduto alla chiusura dell'intera area.

Nonostante la maggior parte dei media parli di morte per "pugnalate al collo" nella giornta di ieri è emerso un video in cui si vede una donna bionda essere decapitata mentre è ancora viva. Anche se non è possibile confermare l'identità della vittima, appare difficile che il video emerso non sia quello dell'uccisione di una delle due vittime.

Guarda anche 

La Basilica di Santa Sofia a Istanbul potrebbe presto essere trasformata in una moschea

L'iconica Basilica di Santa Sofia di Istanbul, originariamente una chiesa cristiana bizantina, potrebbe essere nuovamente trasformata in una moschea - cancellando l&#...
25.03.2019
Mondo

Revoca della cittadinanza ed espulsione dei terroristi islamici, il Belpaese ci bagna il naso?

Il nome di Abderrhaim Moutaharrik alle nostre latitudini suonerà familiare. Non solo per l’avanzata islamista che ha portato alla diffusione di nomi analoghi...
25.03.2019
Svizzera

Scalpore in Svezia per la prima presentatrice TV con il velo islamico

Da diversi giorni i telespettatori della televisione pubblica svedese SVT si sono visti presentare l'attualità da Cheyma Moufid, una giovane musulmana che indo...
21.03.2019
Mondo

Divieto del burqa, tocca al Parlamento decidere

Il Parlamento si dovrà esprimere prossimamente in merito a un divieto nazionale del burqa. Il Consiglio federale si oppone a tale misura e chiede di respingere que...
15.03.2019
Svizzera
x