Magazine, 13 gennaio 2019

Prese un monopattino dai rifiuti: licenziata! Può tornare al lavoro

La donna riceverà anche un risarcimento di 12 mensalità di stipendio

TORINO (Italia) – Aveva preso un monopattino dalla spazzatura per regalarlo al figlio, un monopattino destinato al macero, ma venne licenziata il 30 giugno del 2017 dalla Cidiu, l’azienda torinese che si occupa della raccolta dei rifiuti. Ora Aicha Elisabethe Ounnadi, 41 anni, può tornare a lavorare: lo ha stabilito il giudice che ha annullato il licenziamento, disponendo anche un risarcimento di 12 mensilità.

La 41enne aveva recuperato il monopattino che qualcuno aveva deciso di buttare, per donarlo al figlio. “Si è appropriata di un bene non di sua proprietà”, aveva spiegato l’azienda lasciandola a casa. “A tutti i dipendenti è stato detto che non è ammesso appropriarsi di beni provenienti dalla raccolta dei rifiuti”.

Guarda anche 

Niente più “maschi” o “femmine”: al liceo sarà “student*” o “ragazz*”

TORINO (Italia) – Niente più “studente” o “studentessa”, neanche più “ragazzo” o “ragazza”, ma “...
23.11.2021
Magazine

Il duello social tra Pio&Amedeo e Fedez…

Via social è scoppiato il botta e risposta tra il duo comico Pio&Amedeo e Fedez. Una scintilla partita giovedì sera durante i Seat Music Awards, dopo un...
12.09.2021
Magazine

«Il mio lato migliore»: boom su Instagram

“E’ sempre meglio passare ai posteriori che ai posteri”. Con questa frase Laura Chiatti ha postato una foto su Instagram che ha lasciato di sasso i suoi...
10.08.2021
Magazine

«Sei un mostro, fai schifo!». Padre insulta figlia anoressica, condannato a 30 mesi

TORINO (Italia) – “Sei un mostro, fai schifo”. Così un madre si rivolgeva alla figlia anoressica. Il Tribubale di Torino lo ha condannato a 30 me...
10.08.2021
Magazine