Mondo, 10 gennaio 2019

"Impiccate i bianchi", condannato il rapper che inneggiava alla violenza contro i bianchi

La procura di Parigi ha richiesto ieri una pena sospesa di 5'000 euro contro Nick Conrad, un rapper processato per "provocazione diretta a commettere crimini contro la vita" (vedi articoli correlati), riportano i media francesi. L'uscita in settembre del videoclip "Pendez les blancs" ("impiccate i bianchi") sulla piattaforma YouTube ha suscitato un'ondata di sdegno nei confronti del rapper e numerose condanne da parte di esponenti della società civile. Una delle scene mostra il rapper che mette un revolver nella bocca di un uomo bianco prima di sparargli. In un'altra scena, la vittima viene mostrata impiccata.

"Come posso essere sicuro che alcune persone non lo vedano come un appello alla
violenza?" ha chiesto il giudice, citando un passaggio della canzone in cui il rapper appellava a uccidere "bambini bianchi [...] negli asili nido". Il rapper ha risposto: "Conto sul fatto che l'appello è esagerato per essere per essere preso sul serio". Un argomento che non ha convinto il pubblico ministero che ha ritenuto che il rapper "è andato oltre i limiti autorizzati dalla libertà di espressione".

Tuttavia, per il magistrato, il rapper, che ha nel frattempo perso il suo lavoro di receptionista in un palazzo parigino dopo la diffusione del suo video ha "in parte già pagato le conseguenze del suo atto" per motivare la condanna piuttosto mite inflitta.

Guarda anche 

Lui l'accusa di aver pubblicato i loro filmati hard online, per lei si è inventato tutto per vendicarsi

Un quarantenne kosovaro accusa la sua ex compagna di averlo ricattato pubblicando online i loro video intimi, lei invece sostiene che lui sta mentendo per vendicarsi. &Eg...
22.03.2019
Svizzera

Sempre più genitori schedano i propri figli per paura che l'ex li rapisca

La scorsa settimana, due bambine rapite più di 4 anni fa dal loro padre e portate in Egitto hanno fatto ritorno a casa loro a Interlaken (BE). In Svizzera, la p...
21.03.2019
Svizzera

Aveva aggredito una dipendente di un centro per richiedenti l'asilo fino a farle perdere un occhio, condannata a 18 anni di carcere

Il tribunale cantonale di Zurigo ha condannato martedì una richiedente l'asilo per tentato omicidio ad una reclusione di 18 anni, confermando così il ve...
21.03.2019
Svizzera

Benzina, coltello e fascette: il folle piano del senegalese che ha quasi ucciso 51 bambini

Si trattava di un attentato premeditato e pianificato quello di Ousseynou Sy, il senegalese con cittadinanza italiana che ieri ha quasi ucciso 51 bambini dando fuoco a un...
21.03.2019
Mondo
x