Sport, 03 gennaio 2019

Lo scandalo della Supercoppa italiana: in vendita biglietti per soli uomini

Alcuni settori dello stadio di Jeddah, in Arabia Saudita, dove il 16 gennaio si disputerà si disputerà la sfida tra Juventus e Milan, non sono aperti alle donne

JEDDAH (Arabia Saudita) – Per i soldi si fa quasi tutto, per incassare il massimo possibile anche, ma vendere i propri ideali, le proprie idee, andando anche contro alcuni passi fatti nei mesi e negli anni precedenti, sta facendo mugugnare in tanti in Italia. Se poi la Lega Calcio della vicina Penisola sottolinea come la vendita di questi ideali stia andando avanti a gonfie vele, ecco che i mugugni si trasformano in vere e proprie proteste.

È quello che sta accadendo in questi giorni in relazione ai biglietti per la Supercoppa italiana che si disputerà il prossimo 16 gennaio a Jeddah. In campo ci saranno Juventus e Milan, ma lo scandalo sta avvenendo per quanto concerne gli spalti. Alcuni settori, ovvero quelli vicini al campo, sono denominati “singles” e potranno ospitare solo uomini, mentre i settori denominati “famiglie” sono aperti anche alle donne. Donne che possono assistere alle manifestazioni sportive in Arabia Saudita soltanto dall’inizio del 2018 e solo in alcuni settori evidentemente.

Tutto questo ovviamente ha sollevato un polverone, che si è trasformato in una protesta collettiva e rumorosa quando la Lega Calcio italiana ha sottolineato come la vendita dei biglietti stia procedendo a gonfie vele: dei 60'000 biglietti a disposizione per il King Abdullah Sports City Stadium, ben 50'000 sono andati infatti a ruba (chi acquista un biglietto deve anche acquisire il visto per il Paese!).

Lega Calcio che negli ultimi mesi si era fortemente battuta per la causa delle donne, che negli ultimi due anni ha voluto protestare contro il femminicidio con gli ormai famosi “baffi rossi” sui volti dei calciatori, a sottolineare lo slogan “Non una di meno”. Evidentemente qualcosa non quadra se poi per la Supercoppa Italiana vengono messi in atto determinate distinzioni sessuali…

Guarda anche 

"Dopo ARGO 1 c’è chi fa carriera alla SUPSI!"

Fa discutere l'assunzione di Renato Bernasconi, in passato dirigente del DSS rimasto implicato nella vicenda Argo 1, a direttore amministrativo della SUPSI di Manno. ...
29.04.2020
Ticino

"Bellinzona deve diventare un polo sanitario riconosciuto a livello federale"

Oggi a presentarsi è Luciano Milani, candidato al Consiglio comunale di Bellinzona, che il prossimo 5 aprile cercherà di conquistare un mandato nel legislat...
16.03.2020
Ticino

Contrordine: il calcio non si ferma ancora! L'Europa League va avanti

NYON – Nessuna sospensione, almeno per ora, per quanto riguarda le competizioni della UEFA: dopo la due giorni di Champions League che ci siamo lasciati alle spalle...
12.03.2020
Sport

Anche la UEFA si arrende al coronavirus: sospese Champions ed Europa League

NYON – Si attende solo l’ufficialità, ma è praticamente sicuro: dopo ieri sera la Champions League e l’Europa League si fermano. Tutto sos...
12.03.2020
Sport