Svizzera, 17 dicembre 2018

Il Consiglio federale non vuole che il popolo si esprima sul Patto ONU per la migrazione

Il Consiglio federale ha deciso venerdì di presentare al Parlamento il patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, non vuole che il testo venga sottoposto al popolo: il patto dovrebbe essere presentato come un semplice decreto federale, e quindi nessun referendum può essere preso. Questo è un "errore politico", afferma il presidente del PPD Gerhard Pfister al "SonntagsZeitung". Il Consiglio federale dà l'impressione di voler evitare che il popolo si esprima in decisioni importanti. La decisione di non sottoporre la questione al popolo per Pfister è quindi "incomprensibile".

Il capogruppo dell'UDC al Consiglio nazionale Thomas Aeschi va oltre, per lui il governo "inganna il popolo" e promette che il suo partito farà il possibile perchè il popolo possa esprimersi sul trattato.

Il Consigliere nazionale PLR Hans-Peter Portmann, d'altra parte, afferma di essere ancora a favore di un referendum, come originariamente richiesto, ma difende il Consiglio federale sostenendo che la decisione di evitare il referendum "faccia parte del suo spazio di manovra"  - e non è quindi obbligato a sottoporre la questione al popolo.

Oltre alla discussione su un possibile referendum, la natura vincolante del patto è oggetto di controversie. Un portavoce delle Nazioni Unite ha dichiarato questa settimana in Marocco che quando il patto sarà adottato formalmente, il documento avrà un carattere "giuridicamente vincolante". Finora, tuttavia, è stato detto che il patto non è giuridicamente vincolante, ma ha solo un valore "politico". Inoltre, la prossima settimana si terrà a New York un voto all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Quindi si porrà la questione se il patto sarà valido anche per la Svizzera se questa lo respingesse.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (EDA) sostiene, sempre al "SonntagsZeitung", che il patto è politicamente vincolante solo per gli Stati che hanno acconsentito. Pertanto, tale deduzione sarebbe errata.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo condannato a nove anni di carcere e espulsione per stupro (dopo aver accumulato undici condanne)

Un richiedente l'asilo di 32 anni è stato condannato a 9 anni di carcere per stupro, coercizione sessuale, lesioni personali e violazione di domicilio dal Trib...
16.07.2019
Svizzera

La battaglia di Morgarten, la battaglia che segnò la via dell'indipendenza della Svizzera

La battaglia di Morgarten è ancora considerata oggi una delle più importanti vittorie militari della confederazione. Sconfiggendo l'esercito austriaco l...
16.07.2019
Svizzera

Si butta nel fiume per sfuggire alla polizia

Un uomo sospettato di aver rapinato sabato un negozio di elettronica a Bremgarten, nel canton Argovia, è saltato nel fiume Reuss con il suo bottino per sfuggire al...
15.07.2019
Svizzera

Richiedente l'asilo minorenne colpisce la sua insegnante rompendogli la mascella, dopo due giorni di carcere di nuovo libero

Un richiedente l'asilo siriano di 14 anni, residente nel comune argoviese di Möriken-Wildegg, ha aggredito la sua insegnante perchè questo voleva controll...
15.07.2019
Svizzera