Svizzera, 17 dicembre 2018

Il Consiglio federale non vuole che il popolo si esprima sul Patto ONU per la migrazione

Il Consiglio federale ha deciso venerdì di presentare al Parlamento il patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, non vuole che il testo venga sottoposto al popolo: il patto dovrebbe essere presentato come un semplice decreto federale, e quindi nessun referendum può essere preso. Questo è un "errore politico", afferma il presidente del PPD Gerhard Pfister al "SonntagsZeitung". Il Consiglio federale dà l'impressione di voler evitare che il popolo si esprima in decisioni importanti. La decisione di non sottoporre la questione al popolo per Pfister è quindi "incomprensibile".

Il capogruppo dell'UDC al Consiglio nazionale Thomas Aeschi va oltre, per lui il governo "inganna il popolo" e promette che il suo partito farà il possibile perchè il popolo possa esprimersi sul trattato.

Il Consigliere nazionale PLR Hans-Peter Portmann, d'altra parte, afferma di essere ancora a favore di un referendum, come originariamente richiesto, ma difende il Consiglio federale sostenendo che la decisione di evitare il referendum "faccia parte del suo spazio di manovra"  - e non è quindi obbligato a sottoporre la questione al popolo.

Oltre alla discussione su un possibile referendum, la natura vincolante del patto è oggetto di controversie. Un portavoce delle Nazioni Unite ha dichiarato questa settimana in Marocco che quando il patto sarà adottato formalmente, il documento avrà un carattere "giuridicamente vincolante". Finora, tuttavia, è stato detto che il patto non è giuridicamente vincolante, ma ha solo un valore "politico". Inoltre, la prossima settimana si terrà a New York un voto all'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Quindi si porrà la questione se il patto sarà valido anche per la Svizzera se questa lo respingesse.

Il Dipartimento federale degli affari esteri (EDA) sostiene, sempre al "SonntagsZeitung", che il patto è politicamente vincolante solo per gli Stati che hanno acconsentito. Pertanto, tale deduzione sarebbe errata.

Guarda anche 

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera

Aveva molestato un'adolescente su un autobus, arrestato richiedente l'asilo

I fatti risalgono a metà novembre, quando un richiedente l'asilo proveniente dall'Etiopia aveva pesantemente molestata una ragazza di 16 anni. Oggi, come r...
20.02.2019
Svizzera