Mondo, 13 dicembre 2018

"Strasburgo ci ricorda che siamo in guerra con l'islamismo", la reazione dei politici francesi all'attentato di martedì

Dopo l'ultimo attentato sul suolo francese con apparenti collegamenti con il terrorismo islamico, per i politici francesi è il momento di chinarsi nuovamente sull'annoso problema della radicalizzazione e dell'estremismo islamico . In mezzo a un'ondata di sostegno per le vittime, diversi hanno messo in discussione le politiche anti-terrorismo francesi.

"Quanti attacchi attacchi devono ancora capitare prima che adattiamo le nostre leggi alla lotta contro il terrorismo?" ha chiesto retoricamente Laurent Wauquiez, attuale presidente del partito Repubblicano, che ha ricoperto il ruolo di alto funzionario nel gabinetto del primo ministro Francois Fillon. "Che cosa stiamo aspettando prima di ricominciare a combattere contro i fondamentalisti, che ci hanno dichiarato guerra?"

Marine Le Pen del Rassemblement National ha espresso propositi simili in un'intervista a France 2. Ha detto che, mentre le forze francesi anti-terrorismo stanno facendo un ottimo lavoro e hanno evitato un diversi attacchi quest'anno, il problema non verrà risolto finchè il paese non affronta il fondamentalismo islamista come un'ideologia.
Sul suo account Twitter, ha chiesto un cambiamento radicale nell'approccio della Francia al terrorismo.

Nicolas Dupont-Aignan, il leader del partito di Debout la France, lamenta la mancanza di risorse destinate alla lotta al terrorismo e ha definito l'attacco di Strasburgo un promemoria che la Francia è guerra contro i terroristi islamici.

Il leader socialista Olivier Faure ha fatto appello all'unità nazionale dopo l'attacco e ha ringraziato le forze di sicurezza francesi e il sindaco di Strasburgo per il modo in cui stanno rispondendo alla tragedia. L'ex presidente Francois Hollande ha espresso sentimenti simili, dicendo che il suo pensiero è andato alle vittime e alle loro famiglie e che il paese deve rimanere vigile.

L'attacco nella città vecchia di Strasburgo, nella notte di martedì, ha causato quattro vittime e ha ferito 14 persone. Il tiratore è stato contrassegnato dalle forze dell'ordine francesi come una persona potenzialmente radicalizzata e, a quanto riferito, è stato l'obiettivo di un'indagine criminale su rapina e omicidio.

Guarda anche 

Casi di terrorismo in Svizzera in aumento e autori sempre più giovani

All'inizio di marzo nel centro di Zurigo un giovane radicalizzato ha accoltellato un ebreo ortodosso. La ricerca ha mostrato che l’autore del reato, di sol...
12.04.2024
Svizzera

Macron vuole che la Svizzera finanzi le nuove centrali nucleari francesi

La Francia prevede la costruzione di sei nuove centrali nucleari entro il 2050. Questi i piani del presidente francese Emmanuel Macron. “Per la prima volta dopo dec...
10.04.2024
Svizzera

Costrette a togliere il velo dopo l’arresto, musulmane risarcite

La città di New York ha accettato di pagare 17,5 milioni di dollari per risolvere una causa intentata da due donne musulmane che sostenevano che la polizia aveva v...
09.04.2024
Mondo

L'autore dell'accoltellamento di Zurigo si era radicalizzato in Tunisia

Il presunto autore dell'accoltellamento che lo scorso 2 marzo ha ferito gravemente un ebreo ortodosso a Zurigo si è radicalizzato in Tunisia e su Internet, ha ...
27.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto