Sport, 09 dicembre 2018

Urge una reazione: Lugano, tocca a te!

I bianconeri oggi pomeriggio ospiteranno il lanciatissimo Sion, reduce da tre vittorie consecutive: Sabbatini e compagni devono invertire la rotta, centrando la vittoria

LUGANO – Il gioco c’è, i risultati (e la fortuna) latitano: dalle parti di Cornaredo si inizia un po’ a tremare dando uno sguardo alla classifica, una classifica che a dirla tutta è molto corta sia verso il basso che verso l’alto (YB a parte). Ecco perché potrebbe risultare determinante la sfida che il Lugano disputerà oggi tra le mura amiche contro il Sion.

Non sarà un match facile, non solo perché molto delicato, ma anche perché i vallesani arrivano da tre vittorie di fila che hanno spazzato via le nuvole nere che si stavano accalcando sopra il Tourbillon. Murat Yakin sembrerebbe aver trovato la quadratura del cerchio, grazie a un
mix interessante di veterani e giovani, mentre a Fabio Celestini manca un piccolo, ma decisivo, passo verso il successo: il pareggio maturato contro il fanalino di coda Xamax ha lasciato l’amaro in bocca, anche perché dal punto di vista del gioco poco si può rimproverare alla sua truppa.

Per la delicata sfida odierna l’allenatore potrà contare su Daprelà e Gerndt, rendendo così più granitica e compatta la rosa a sua disposizione: Natale si avvicina e battere il Sion potrebbe rappresentare un bel regalo anticipato per tutto l’ambiente bianconero, per preparare la delicata sfida del Letzigrund, contro lo Zurigo, con più serenità.

Guarda anche 

SONDAGGIO – Addio a Habisreutinger: chi al suo posto?

LUGANO – Il terremoto sportivo messo in atto dall’HCL negli scorsi giorni ha creato una voragine sia nello staff tecnico che in quello dirigenziale. Con gli a...
26.03.2019
Sport

Cornaredo a tinte nerazzurre: in estate ci sarà l’Inter

LUGANO – Niente montagne, niente Trentino e soprattutto niente Pinetina: l’Inter quest’estate resterà senza il proprio quartier generale per prep...
25.03.2019
Sport

Revoca della cittadinanza ed espulsione dei terroristi islamici, il Belpaese ci bagna il naso?

Il nome di Abderrhaim Moutaharrik alle nostre latitudini suonerà familiare. Non solo per l’avanzata islamista che ha portato alla diffusione di nomi analoghi...
25.03.2019
Svizzera

“Il titolo del 2006 resterà per sempre nel mio cuore”

LUGANO - Indomito, stoico, lottatore, “vecchio leone': è lui, è Sebastien Reuille, 12 anni con la maglia dell’HC Lugano (a pa...
25.03.2019
Sport
x