Sport, 29 novembre 2018

Al limite dell’assurdo: club finge morte di un giocatore per rinviare una partita!

È successo in Irlanda, in una serie minore: la società si è poi scusata e ha licenziato il responsabile

BALLYBRACK (Irlanda) – Quante volte nel calcio minore sono state rinviate alcune partite, magari ingigantendo il problema dell’impraticabilità del campo, per evitare di scendere in campo rimaneggiati a causa di assenze o infortuni? Non dovrebbe succedere, ma a volte si sa… accade. Ma quello che è avvenuto in Irlanda va al di là di ogni immaginazione.

Il Ballybrack FC, infatti, squadra che milita in Leinster Senior League, ha comunicato la falsa notizia della morte di un proprio calciatore (!) col chiaro intento di ottenere il rinvio di un match da disputare nel weekend. Rinvio ovviamente concesso, con tanto di minuto di silenzio sugli altri campi e lutto al braccio dei vari giocatori: la società chiaramente è finita nella bufera e ha licenziato il colpevole.

Il responsabile, infatti, si era inventato che Fernando Nuno La Fuente, uno dei calciatori della squadra, era rimasto vittima di un incidente stradale sulla via del ritorno a casa dopo un allenamento. Il motivo è presto detto: rinviare la partita che si sarebbe dovuto disputare a Arklow. In realtà il ragazzo era vivo e vegeto e da settembre vive a Galway. La società si è chiaramente scusata con tutti, soprattutto con il diretto interessato, ma ora rischia pesanti conseguenze.

La Leinster Senior League si riunirà giovedì per decidere la sanzione da comminare al Ballybrack che, inoltre, aveva difeso inizialmente la sua posizione dicendo che la salma e la famiglia del giocatore erano già rientrati in Spagna…

Guarda anche 

Quarantena di classe al CPT di Lugano-Trevano e al Liceo di Bellinzona

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) e il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) comunicano che in seguito a...
20.10.2020
Ticino

93 veicoli controllati nel Luganese

La Polizia cantonale comunica che oggi, 20.10.2020, è stata effettuata un'operazione di controllo nel Luganese. L'operazione si è svolta in collabor...
20.10.2020
Ticino

"Seconda ondata? Non l'aspettavamo così velocemente"

Aumentano i contagi in Svizzera e si intensificano anche gli appuntamenti con la stampa delle autorità federali e cantonali. Domani è atteso l'incont...
20.10.2020
Svizzera

26enne polacco in manette per la truffa del falso nipote

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che il 19.10.2020 è stato arrestato un 26enne cittadino polacco residente in Polonia. L'uomo è s...
20.10.2020
Ticino