Mondo, 26 novembre 2018

Sempre più tesa la situazione al confine Messico-USA, valico chiuso e scontri tra migranti e forze dell'ordine (VIDEO)

Si fa sempre più incadescente la situazione al confine tra Messico e Stati Uniti dopo l'arrivo a Tijuana della "carovana" di migranti provenienti dal Centroamerica. Dopo aver chiuso il valico più trafficato tra Stati Uniti e Messico le guardie di confine hanno fatto ricorso ai gas lacrimogeni per respingere i migranti che cercavano di violare il muro di confine per ottenere l'ingresso con altri mezzi.

Con il principale punto di ingresso per gli USA chiuso, un folto gruppo di migranti ha iniziato a scalare le recinzioni nela recinzione di confine per cercare di raggiungere il suolo americano. Dopo che un gruppo ha tentato di entrare attraverso un'apertura nella recinzione, le guardie di confine li ha respinti con gas lacrimogeni che hanno respinto i migranti. I migranti hanno risposto lanciando sassi e altri proiettili.

Il porto di ingresso di San Ysidro tra Tijuana e San Diego è il punto di ingresso più frequentato degli Stati Uniti, con circa 100'000 ingressi in direzione nord ogni giorno. Circa 5'000 migranti, parte di una carovana di migranti centroamericani, sono attualmente accampati mentre tentano di capire come introdursi negli Stati Uniti, ma alcuni stanno diventando impazienti
con il processo ufficiale. I migranti sono attualmente ospitati in uno stadio sportivo a Tijuana che è stato trasformato in un rifugio di fortuna.

Mentre la carovana si avvicinava al confine tra Stati Uniti e Messico, l'amministrazione Trump ha mobilitato centinaia di truppe per cercare di mantenere il controllo di una situazione potenzialmente caotica, e mentre molti sentivano che la risposta del governo era eccessiva, ora sembra che fossero necessarie alcune misure cautelative.

Nonostante un articolo del Washington Post (vedi articoli allegati) che affermava che Stati Uniti e Messico avevano raggiunto un accordo su un cambiamento della legge statunitense sull'asilo che proibirebbe ai richiedenti l'asilo di aspettare negli Stati Uniti mentre il loro status è in sospeso, Olga Sanchez Cordero, ministro degli interni in entrata in Messico, ha negato che qualsiasi accordo di questo tipo ha avuto luogo. Nondimeno, Trump continua a sostenere che tutti i migranti che fanno richiesta d'asilo rimarranno fuori dai confini del paese. Il processo di asilo richiede in media mezzo anno e attualmente è intasato di domande. Quasi 40'000 persone presentano una domanda di asilo ogni anno negli Stati Uniti.

Guarda anche 

L’ingegner Terrone… fa causa all’Accademia della Crusca: “Il mio cognome non è una parolaccia”

SALERNO (Italia) – È una “battaglia di civiltà” contro il termine “terrone”, usato come dispregiativo, quella che ha ingaggiat...
07.03.2021
Magazine

La Danimarca spinge al rimpatrio i rifugiati siriani, “Damasco è sicura, tornate a casa”

Il primo ministro danese Mette Frederiksen è stata schietta quando ha detto di voler perseguire una politica di "zero richiedenti asilo". Eppure il paese...
04.03.2021
Mondo

Il ritorno di Trump, "nel 2024 potrei batterli per la terza volta"

Nel suo primo discorso da quando ha lasciato l'incarico l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha criticato aspramente il suo successore Joe Biden accenna...
01.03.2021
Mondo

"Cercate di essere meno bianchi", il seminario controverso per i dipendenti di Coca-cola

“Cercate di essere meno bianchi”: con questo invito la Coca-Cola esorta i propri dipendenti a combattere la discriminazione razziale e il razzismo. ...
25.02.2021
Mondo