Sport, 28 dicembre 2018

Ambrì, la prima squadra svizzera a trionfare in Europa!

Il 29 dicembre 1998 l’Ambrì Piotta vinceva la Continental Cup a Kosice

La finalissima contro il Lugano è ancora lontana. L’Ambrì Piotta, nel frattempo, domina la regular season e i tifosi scrivono sugli striscioni “salutate la capolista!”. È forse il momento tecnicamente e sportivamente più positivo della storia recente del club biancoblù. In Leventina si sogna ad occhi aperti. La squadra, a non dubitarne, gira che è un piacere. In porta Pauli Jaks fa il fenomeno, Petrov (l’idolo dei tifosi) e Di Pietro segnano reti a bizzeffe, Rohlin, terzino svedese dal curriculum importante, dirige da par suo la difesa. E poi ci sono gli svizzeri e i ticinesi che non si tirano indietro. Alla trasenna c’è un certo Larry Huras, detto Larry Potter, perché fa le magie e crede fermamente nel gioco spettacolare. Con una squadra così, gli obiettivi non sembrano preclusi. E la regular season esemplare sta lì a dimostrarlo: da ottobre a dicembre i biancobù vincono ben 18 partite di fila. Incredibile! A livello europeo, poi, c’è una Continental Cup da disputare e se possibile da vincere. Sul finire del 1998 c’è il Final four a Kosice, cittadina della Slovacchia. Le aspettative sono alte, anche se nessuno si fa illusioni: in Europa l’hockey svizzero non è mai decollato, fatta eccezione per il Lugano di John Slettvoll.

SENZA HURAS - L’esperienza nella Continental Cup, che non è la Champions League ma comunque un trofeo prestigioso, inizia senza particolari sussulti. Nel mese di novembre del 1998, vent’anni fa esatti, alla Valascia si gioca uno dei tornei preliminari Ci sono gli austriaci del Graz, gli sloveni dell’Olimpia Lubliana e i polacchi dell’Auschwitz, un nome che evoca il massacro degli ebrei nella Seconda Guerra Mondiale da parte dei nazisti. Senza forzare troppo il proprio talento, i leventinesi vincono tutte e tre le partite: 2-0 al Graz, 3-1 ai polacchi e infine 6-5 ai balcanici. La qualificazione è dunque in cassaforte, anche se non è certamente stato il miglior Ambrì della stagione. Ma tant’è. Che conta è l’aver strappato il biglietto per Kosice, località in cui dal 27 al 29 dicembre si giocherà il Final Four della Continental Cup. Nota bene: gli slovacchi sono i detentori del trofeo. Purtroppo però a questa trasferta non possono partecipare né Larry Huras, head coach nè il suo vice Ted Snell, entrambi costretti a tornare in Canada per motivi famigliari. Sarà dura, dicono gli addetti ai lavori: senza Larry la squadra saprà raggiungere lo stesso livello di rendimento?

NUOVO COACH - E allora tocca all’allenatore ceco Rotislav “Roccia” Cada, responsabile del settore giovanile del club, assumere a titolo interinale la direzione della prima squadra. Cada conosce bene l’ambiente e sa tutto di hockey. E poi nell’ex Cecoslovacchia i suoi consigli e i suoi suggerimenti non potranno che essere utili. Gli avversari sono tostissimi: oltre al Kosice padrone di casa, ci sono i tedeschi del Düsseldorf e i russi dell’Avangard Omsk. Insomma: non sarà una semplice passeggiata per i biancoblù, ai quali mancano i nazionali Under 20 Cereda, Prinz, Demuth. Dal Losanna arriva come rinforzo il canadese Claude Verret, che risulterà fra i migliori con una bella doppietta ed un assist nelle tre partite previste dal torneo. Fritsche, infortunato, funge da assistente a Cada. Al seguito della squadra ci sono almeno trecento tifosi. La loro presenza non risulterà inosservata.

PERSONALITÀ - La stragrande maggioranza dei giocatori convocati non ha mai giocato in Europa eppure nella prima partita contro il Düsseldorf mette sul ghiaccio una personalità insospettata. La squadra gioca a memoria e risponde colpo su colpo alle provocazioni dei tedeschi. Finisce 6-4, sugli scudi il collettivo oltre naturalmente a Pauli Jaks che nei momenti topici salva capre e cavoli. Ma la partita-chiave è contro i russi dell’Avangard, ritenuti i favoriti alla conquista del trofeo. E anche stavolta l’HCAP si supera, vincendo 5-3 e conquistando con un turno d’anticipo la Continental Cup per via dei confronti diretti. L’ultima partita contro i padroni di casa risulterà ininfluente per l’esito finale della rassegna Vince il Kosice (2-1) ma i leventinesi sono già in festa. Il successo è pieno: primo trionfo dell’Ambrì sul continente e prima vittoria in Europa di una società elvetica. Al biancoblu va pure un assegno di 60 mila franchi e un piatto d’argento a mò di trofeo. Vi lasciamo immaginare il tripudio dei tifosi giunti dal Ticino (e non solo). Per l’Ambrì, che in passato aveva vinto solo la Coppa Svizzera del 1962, è il riconoscimento per gli sforzi e i sacrifici fatti in tanti anni di storia. Ma in Europa non è ancora finita: il 31 agosto del 1999 i leventinesi vincono la Super Coppa contro il Magnitogorsk. A fine anno riconquisteranno la Continental Cup a Berlino. Complimenti!

B.C.

Guarda anche 

Zwerger out almeno 1 mese. Kostner… pure

AMBRÌ – Due pessime notizie in casa Ambrì nel medesimo momento: non è certamente un pomeriggio felice in casa leventinese. Il club infatti ha c...
14.10.2019
Sport

Spooner rompe il silenzio e fa subito rumore: “A saperlo non avrei firmato per il Lugano”

LUGANO – Lo avevamo sottolineato anche questa mattina nell’analisi pubblicata in merito al weekend da 0 punti del Lugano: la situazione di Ryan Spooner, che n...
14.10.2019
Sport

Poche idee e confuse: weekend opaco per la truppa di Kapanen

LUGANO – Otto partite a punti, otto partite in cui il Lugano ha costruito la sua classifica. La striscia positiva si è interrotta nel weekend appena concluso...
14.10.2019
Sport

Montagne russe in Leventina, con vista sulla Champions e con la paura per Zwerger

AMBRÌ – 3 punti in un weekend, tenendo conto della trasferta slovacca e dell’impegno complicato alla Bossard Arena di venerdì, possono essere ac...
13.10.2019
Sport