Sport, 16 novembre 2018

Il bello di giocare contro Messi? “Lo riempi di calci e lui…”

Sta facendo discutere la dichiarazione rilasciata da Juanfran, giocatore dell’Atletico Madrid, prossimo avversario del Barcellona in Liga

MADRID (Spagna) – È tempo di nazionali, è tempo di Nations League e di amichevoli, ma c’è già chi si proietta al weekend successivo quando i vari campionati nazionali ritorneranno a fare la voce grossa.

Come per esempio il giocatore dell’Atletico Madrid, Juanfran, che alla ripresa delle “ostilità” se la dovrà vedere con il Barcellona di Leo Messi. Lo spagnolo, ai microfoni della “Cadena SER” ne ha approfittato per analizzare il match che verrà, sottolineando un aneddoto, e lanciando forse una frecciatina a CR7 e al Real Madrid. Un aneddoto relativo proprio alla “Pulce” argentina, che ancora una volta ha deciso di non indossare la maglia dell’Albiceleste.
/>
Può essere bello giocare contro uno dei migliori giocatori di tutti tempi? È stata la domanda che è stata posta a Juanfran che, di tutta risposta, non si è tirato indietro: “Sì, visto che quando entra in campo Messi ha l’atteggiamento giusto. O almeno, che piace ai difensori. Per me, Messi è il migliore, lo dico da sempre. I più forti sono lui e Cristiano, ma Leo ha sempre avuto qualche punto in più a suo favore. Lo rispetto tantissimo, dentro il campo lo puoi riempire di calci e lui non si lamenta”.

Parole che ovviamente hanno fatto immediatamente pensare agli innumerevoli derby vissuti da Juanfran nel tentativo di contenere proprio Ronaldo.

Guarda anche 

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

Gianluca Pessotto, il dramma di un calciatore perduto

TORINO (Italia) - Il 27 giugno 2006 l’Italia calcistica è nella bufera: l’inchiesta dei magistrati ha appena scoperchiato un sistema di corruzione...
29.07.2022
Sport

Rivoluzione inglese: colpi di testa banditi, fino a 12 anni solo col pallone ai piedi

LONDRA (Gbr) – Se non è una rivoluzione, poco ci manca. Specie per il calcio inglese, vigoroso, spigoloso, fisico, in cui il colpo di testa è quasi un...
28.07.2022
Sport