Sport, 14 novembre 2018

Guerra guarda avanti: “Fatto un mezzo step, per parlare di crescita… aspettiamo il weekend”

Il difensore dell’Ambrì ha analizzato la vittoria ottenuta ieri sera contro il Lugano nel derby della Valascia: “Manzato ci ha tenuti in partita nei primi 5’-6’, poi meritavamo il successo pieno”

AMBRÌ – 5 KO consecutivi posson bastare: l’Ambrì ha rialzato la testa e ieri sera ha battuto per 2-1 il Lugano, dopo i rigori, nel derby giocato alla Valascia. Una vittoria che ha messo fine a una serie di ben 6 sconfitte nella stracantonale: un successo particolare per Samuel Guerra che, da sempre tifoso biancoblù, ha potuto gioire al termine del primo scontro ticinese giocato alla Valascia.

“Certo sono contento anche per questo – ha spiegato – È sempre bello vedere la nostra pista piena, io vivevo queste partita in curva quando ero piccolo e sapevo cosa avrei potuto vivere questa sera (ieri per chi legge, ndr). Sono quindi ancora più felice anche se potevamo conquistare un successo pieno”.

In effetti potrebbe esserci questo rammarico nella vostra testa…
Sinceramente nei primi 5’-6’ abbiamo faticato, loro sono arrivati qui – come già successo alla Cornér Arena – schiacciando sull’acceleratore, mettendoci in difficoltà e trovando
la prima rete. Avevano costruito la loro partita perfetta, ma poi Manzato, che poi si è infortunato purtroppo, ci ha salvati e allora siamo riusciti a risalire la china, trovando il nostro ritmo e il nostro hockey.

Forse è proprio questo l’aspetto migliore della partita, oltre alla vittoria…
Il coach lo dice sempre, dobbiamo crescere step dopo step: questa volta abbiamo fatto un mezzo passo in avanti, riuscendo a giocare per gran parte della partita il nostro vero hockey, ma per completare il nostro miglioramento dobbiamo aspettare il weekend. Se riusciremo a continuare a giocare così, non per forza a vincere, allora potremo dire di essere cresciuti.

Possiamo dire che la svolta della partita è stata proprio quella di non subire lo 0-2…
Sì, chiaramente se fossimo andati in doppio svantaggio tutto si sarebbe maledettamente complicato. Invece siamo riusciti a reagire, li abbiamo contenuti e siamo andati a un passo dalla vittoria: sì, meritavamo il successo pieno.

Guarda anche 

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Sabbatini, niente più campo in maglia bianconera

LUGANO - L’FC Lugano comunica che il contratto da giocatore di Jonathan Sabbatini, in scadenza il 30 giugno 2024, non verrà rinnovato. La societ&ag...
03.06.2024
Sport

Il triste e immeritato “addio” del Sabba

LUGANO – Il giorno dopo si ragiona meglio, a mente fredda, con meno crampi alla pancia ma con qualche pensiero in più. Non per forza più lucido, ma si...
03.06.2024
Sport

Quando il “come” fa più male della sconfitta

LUGANO – Nello sport, e nel calcio in particolare, le frasi fatte, le frasi retoriche spesso e volentieri si sprecano. Si dice, quando si perde, che “si esce ...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto