Sport, 14 novembre 2018

Guerra guarda avanti: “Fatto un mezzo step, per parlare di crescita… aspettiamo il weekend”

Il difensore dell’Ambrì ha analizzato la vittoria ottenuta ieri sera contro il Lugano nel derby della Valascia: “Manzato ci ha tenuti in partita nei primi 5’-6’, poi meritavamo il successo pieno”

AMBRÌ – 5 KO consecutivi posson bastare: l’Ambrì ha rialzato la testa e ieri sera ha battuto per 2-1 il Lugano, dopo i rigori, nel derby giocato alla Valascia. Una vittoria che ha messo fine a una serie di ben 6 sconfitte nella stracantonale: un successo particolare per Samuel Guerra che, da sempre tifoso biancoblù, ha potuto gioire al termine del primo scontro ticinese giocato alla Valascia.

“Certo sono contento anche per questo – ha spiegato – È sempre bello vedere la nostra pista piena, io vivevo queste partita in curva quando ero piccolo e sapevo cosa avrei potuto vivere questa sera (ieri per chi legge, ndr). Sono quindi ancora più felice anche se potevamo conquistare un successo pieno”.

In effetti potrebbe esserci questo rammarico nella vostra testa…
Sinceramente nei primi 5’-6’ abbiamo faticato, loro sono arrivati qui – come già successo alla Cornér Arena – schiacciando sull’acceleratore, mettendoci in difficoltà e trovando
la prima rete. Avevano costruito la loro partita perfetta, ma poi Manzato, che poi si è infortunato purtroppo, ci ha salvati e allora siamo riusciti a risalire la china, trovando il nostro ritmo e il nostro hockey.

Forse è proprio questo l’aspetto migliore della partita, oltre alla vittoria…
Il coach lo dice sempre, dobbiamo crescere step dopo step: questa volta abbiamo fatto un mezzo passo in avanti, riuscendo a giocare per gran parte della partita il nostro vero hockey, ma per completare il nostro miglioramento dobbiamo aspettare il weekend. Se riusciremo a continuare a giocare così, non per forza a vincere, allora potremo dire di essere cresciuti.

Possiamo dire che la svolta della partita è stata proprio quella di non subire lo 0-2…
Sì, chiaramente se fossimo andati in doppio svantaggio tutto si sarebbe maledettamente complicato. Invece siamo riusciti a reagire, li abbiamo contenuti e siamo andati a un passo dalla vittoria: sì, meritavamo il successo pieno.

Guarda anche 

Piccolo grande Malcantone: “Questo titolo è un’impresa”

LUGANO - Pio Ruspini è un presidente felice. A 38 anni dalla fondazione, il Malcantone, che inizialmente si chiamava Club Skater Hockey Agno, è di...
29.11.2022
Sport

I biancoblù provano la fuga ma i ZSC Lions reagiscono

ZURIGO - Seconda sconfitta consecutiva per la squadra di Luca Cereda (ieri alla sua 300esima partita sulla panchina biancoblù). Dopo il Bienne, ieri è ...
27.11.2022
Sport

Lugano, eccoti la pausa più dolce possibile

LUGANO – YB 35 punti. Servette, secondo, 25. La classifica di Super League, per quanto concerne la lotta per il titolo, sembra bella che impacchettata: andare a pre...
14.11.2022
Sport

Prima di Steffen ci fu Vivas: ma sono già passati 24 anni

LUGANO - Prima di Renato Steffen, chiamato da Murat Yakin per gli imminenti Mondiali del Qatar, chi è stato l’ultimo bianconero ad essere convocato per ...
14.11.2022
Sport