Mondo, 12 novembre 2018

Il populismo arriva in Spagna? Esplodono i consensi per Vox, il partito che promette di "rendere la Spagna nuovamente grande"

Il partito spagnolo Vox sin dalla sua fondazione nel 2014 ha faticato a incidere sul panorama politico spagnolo. Nonostante le sue posizioni nazionaliste, anti-immigrazione e anti-islam Vox ha faticato a mettere radici come successo a movimenti politici simili in altri paesi europei.

Ma qualcosa è cambiato negli ultimi anni e ora il partito spagnolo, che per anni in elezioni e sondaggi non riusciva a staccare il punto percentuale, ora sembra riscuotere una popolarità mai vista prima. Secondo un sondaggio dell'istituto Metroscopia Vox raccoglierebbe il 5% delle intenzioni di voto, l'equivalente di oltre un milione di voti. E da quando è riuscito a riempire il centro sportivo di Madrid con 9'000 sostenitori il mese scorso, il partito è stato preso molto più sul serio.



Tanto che pure l'emittente britannica BBC si è interessata di Vox e ha cercato di capire le ragioni del suo rapidissimo successo. Sarebbero tre gli eventi avvenuti in Spagna negli scorsi anni che avrebbero contribuito alla crescita esponenziale del partito guidato dal 42enne basco Santiago Abascal (nella foto): la caduta del governo conservatore di Rajoy e l'arrivo al potere dei socialisti di Sanchez, la crisi dei migranti che si è intensificata dopo che l'Italia ha praticamente chiuso le sue porte (o meglio, i suoi porti) e la crisi catalana su cui Vox si è profilato proponendo una dura repressione degli indipendentisti.

E sarebbe proprio quest'ultima questione ad aver conquistato maggiormente gli spagnoli secondo Josè Fernández-Albertos, un'analista politico interpellato dalla BBC. “È vero che il successo di Vox è arrivato pari passo con la crisi dei migranti e i socialisti al governo” spiega Fernandez-Albertos “ma la maggior parte del sostegno a questo partito è dovuto alla questione catalana”.



Con il 5% il partito di Abascal non può certo decidere le sorti della Spagna ma, sempre secondo Fernandez-Albertos, potrebbe riuscire a influenzare il dibattito nazionale, anche senza riuscire a ottenere molti seggi alle prossime elezioni generali.

"Se enfatizzano l'immigrazione, l'opposizione all'islam, la centralità della questione catalana e quanto dovremmo essere duri con i secessionisti catalani, questo potrebbe influenzare indirettamente il modo in cui il Partito popolare e Ciudadanos (i due maggiori partiti della destra spagnola) si comportano su questi temi", ha detto.

Guarda anche 

Elezioni spagnole, la destra nazionalista diventa terzo partito del Paese

Il primo ministro socialista uscente Pedro Sanchez ha vinto domenica le quarte elezioni legislative in quattro anni in Spagna ma, con il suo PSOE indebolito, queste nuove...
11.11.2019
Mondo

Manifestazioni e scontri in Catalonia contro il governo spagnolo, "l'Europa ci deve sentire" (VIDEO)

Cassonetti della spazzatura in fiamme, cariche di polizia: il centro di Barcellona ha vissuto scene di guerriglia urbana martedì sera nel secondo giorno di manifes...
16.10.2019
Mondo

Trump alle Nazione Unite: "Il futuro non appartiene ai globalisti, ma ai patrioti e alle nazioni sovrane e indipendenti"

Nel suo discorso davanti alle Nazioni Unite a New York, Donald Trump ha promosso la sovranità sulla globalizzazione, spingendo i leader mondiali a mettere al primo...
25.09.2019
Mondo

Una Spagna in crisi al voto per la quarta volta in quattro anni

Quatto elezioni in quattro anni. Gli elettori spagnoli torneranno probabilmente alle urne, il 10 novembre, per cercare di sbrogliare la matassa politica in...
19.09.2019
Mondo