Mondo, 01 ottobre 2018

La Macedonia dice “no” all’UE: fallisce il referendum per cambiare il nome del paese

La Macedonia votava ieri sul suo nuovo nome e un suo avvicinamento all'Unione europea e alla Nato. Ieri, in un referendum, è stato chiesto agli elettori di decidere se accettare il nuovo nome "Macedonia settentrionale", il risultato dell'accordo firmato lo scorso giugno tra l'ex stato jugoslavo e la Grecia. I risultati saranno noti solo oggi, ma ieri, alla fine dei sondaggi, i dati hanno rivelato un tasso di partecipazione inferiore al 35% (tra questi il ​​90% ha votato sì) e il quorum quindi non è stato superato. Un flop per il primo ministro Zoran Zaev, con un impatto su Atene e Bruxelles e il sollievo di Mosca.

La posta in gioco

Due giorni fa, Bujar Osmani, il vice direttore macedone responsabile degli affari europei, ha annunciato che la consultazione sarebbe stata considerata valida anche se non fosse stata raggiunta la soglia del 50% che la legge ritiene necessaria per dichiarare il voto vincolante, segno che un risultato deludente era nell'aria, ma forse non con questa grandezza. In ogni caso, l'ultima parola è del parlamento di Skopje, il cui compito, con un tasso di partecipazione così basso, è ancora più delicato. Se l'intero processo avrà successo, la Macedonia, oltre a cambiare nome, sarà automaticamente nominata per aderire sia alla NATO che all'Unione Europea.

Una posizione difficile, soprattutto per il primo ministro Zoran Zaev, che si è speso molto la per chiudere l'accordo con Atene e che durante la campagna elettorale si è trovato come il primo avversario il Presidente della Repubblica Gjorge Ivanov che ha spinto con decisione i quasi due milioni di elettori a disertare le urne. Ieri, alla chiusura dei seggi, la bassa affluenza alle urne ha portato in piazza gli oppositori al referendum, che si sono riuniti di fronte al parlamento a Skopje .

Reazione a catena

Il risultato della consultazione avrà ripercussioni non solo sulla politica interna, ma anche sulla politica della regione e per il resto del continente. Se, come sembra essere il caso, anche se il sì rappresenta il desiderio di una minoranza nel paese, il Primo Ministro Zaev perseguirà tutte le fasi costituzionali del caso.

La debole affermazione del referendum, tuttavia, potrebbe avere conseguenze anche in Grecia, dove il primo ministro Alexis Tsipras ha svolto un ruolo chiave in un accordo che gli ha permesso di rinegoziare la ristrutturazione del debito greco con Bruxelles. Avrebbe dovuto essere uno dei gioielli del giovane leader ellenico durante la campagna elettorale per le elezioni autunnali del 2019, che ora potrebbe essere anticipata in primavera.

Ma altri tre attori tengono d'occhio gli eventi nei Balcani: la NATO, la Russia e l'Unione europea. Mosca ha dichiarato di non interferire con i risultati del referendum, ma ha mantenuto stretti legami con il partito "Macedonia Unita", uno dei principali sponsor del boicottaggio della consultazione. Il Cremlino non apprezza l'allargamento della NATO e dell'UE nella ex Jugoslavia. Bruxelles, da parte sua, sta cercando di finalizzare al più presto l'inizio del processo di adesione di Macedonia e Albania. Nella campagna referendaria, i social media hanno svolto un ruolo fondamentale. Le piattaforme sono state dominate da un movimento chiamato #bojkotiram, letteralmente "boicottaggio", che si è diffuso ampiamente in poche settimane.  

Guarda anche 

A 19 anni perde la patente e si fa sequestrare la lamborghini

Non è durata molto la licenza di condurre di un giovane residente nel canton San Gallo. Durante la sera di domenica scorsa, la polizia è stata allertata ...
17.05.2022
Svizzera

Siviglia invasa dai tifosi dei Rangers per la finale: c’è chi usa Tinder per trovare casa

GLASGOW (Scozia) – Unire l’utile al… dilettevole. È quello che avrà pensato un tifoso dei Rangers che, per trovare un posto dove dormire ...
17.05.2022
Sport

"Sanzioni alla Russia, quali conseguenze per la Svizzera?"

Il Consiglio federale ha tenuto conto delle conseguenze per la Svizzera della ripresa delle sanzioni UE contro la Russia? È la domanda che il Consigliere nazionale...
11.05.2022
Svizzera

L'ambasciatore UE mette in guardia la Svizzera, "l'Unione europea non è un menù a la carte"

L'ambasciatore dell'UE a Berna Petros Mavromichalis (nella foto) avverte la Svizzera che l'Unione europea non è un "menù à...
10.05.2022
Svizzera