Sport, 13 settembre 2018

In ritardo all’allenamento: “Sono stato aggredito e rapito”. Ma sette anni dopo…

L’incredibile storia di Somalia, giocatore brasiliano all’epoca del Botafogo, è tornata a far parlare di sé: “Avevo inventato tutto”, ha spiegato il 34enne

RIO DE JANEIRO (Brasile) – Quante volte, anche ai livelli di calcio di regionale, è capitato di arrivare in ritardo ad un allenamento e di inventarsi una scusa, plausibile, per evitare i rimproveri o le multe? Ebbene, qualsiasi scusa voi abbiate mai scelto, non potrà mai competere con quella scelta da Somalia, il cui nome originale è Paulo Rogerio Reis da Silva, che nel 2011 decise di inscenare un rapimento per non incorrere nella sensazione del Botafogo per il ritardo agli allenamenti.

Somalia, infatti, avrebbe perso il 40% del suo stipendio mensile. Evidentemente troppo per l’allora 27enne che dichiarò di essere stato aggredito, rapito e rapinato e per questo impossibilitato ad essere al centro sportivo quel giorno. Ma la sua bugia, poco studiata, venne smascherata dalla polizia che tramite le immagini di videosorveglianza del palazzo del giocatore, scoprì che in realtà Somalia era tornato a casa alle 5 del mattino dopo aver partecipato a una festa e aveva nascosto tutti i preziosi nel garage.

Il club allora glissò sull’accaduto, anche se multò lo stesso il calciatore e mandato in prestito fino alla fine del suo contratto: attualmente, il 34enne è svincolato e a distanza di sette anni ha finalmente ammesso la sua bugia.

Meglio tardi che mai, verrebbe da dire!

Guarda anche 

Allo stadio col coltello: in Italia ci è quasi scappato il morto

BOLOGNA (Italia) – Rischiare la vita per una partita di calcio. Rischiare la vita per un pantaloncino lanciato ai propri tifosi da un giocatore. Sembra folle raccon...
10.12.2019
Sport

“La crisi dell'HCL? Gli stranieri. E quel mio gol col Gordola nell'88...”

LUGANO - Fabio Regazziè consigliere nazionale del PPD, titolare dell’omonima azienda di Gordola e presidente dell’Associazione industrie ticinesi....
10.12.2019
Sport

Svizzera e Italia insieme a EURO 2020 e quel Mondiale 1962...

LUGANO – Svizzera e Italia tornano ad affrontarsi nella fase finale di una competizione internazionale. Non succedeva, pensate, dai Mondiali del Cile del 1962....
09.12.2019
Sport

1 solo punto: ma che Lugano a Neuchâtel! E la cessione è a un passo

NEUCHÂTEL - Terzo risultato utile consecutivo, malgrado le assenze importanti di Bottani, Junior, Gerndt, Rodriguez, Sabbatini e Maric...
08.12.2019
Sport