Sport, 24 agosto 2018

Barnetta bacchetta Petkovic: “Capisco Behrami”

L’ex giocatore della Nazionale ha analizzato il comportamento del ct e quello della Federazione durante il Mondiale

SAN GALLO – È stato uno dei protagonisti del Mondiale tedesco del 2006, una delle anime trascinanti della Nazionale in quegli anni, e questa volta è tornato a parlare proprio in merito alla sua Svizzera, al “caso Behrami”, alla Federazione e alle Aquile bicipiti. Tranquillo Barnetta non si è tirato indietro davanti alle domande dei colleghi del “Blick”.

Il giocatore del San Gallo, in merito alla decisione presa da Petkovic di lasciare a casa Valon Behrami, e di farlo tramite telefono, è stato categorico: “Capisco Valon che si sia arrabbiato. Behrami era addirittura uno dei capitani durante il Mondiale, doveva scegliere un modo diverso per comunicarglielo, non al telefono. Quanto meno dovevano incontrarsi faccia a faccia”.

L’ex nazionale non ci è andato leggere neanche in merito alla tematica delle Aquile bicipiti e di come il tutto sia stato gestito dalla Federazione. “Probabilmente non è stata la cosa migliore da fare in campo, perché si sono sovrapposte
diverse cose che non c’entrano col campo, ma quando ci sono in ballo le emozioni può capitare. L’ASF, però, non ha affrontato bene la tematica, non ho visto nessuno dei responsabili della società prendere di petto la questione: quando parli di Aquile bicipiti dovresti essere immediatamente credibile e comunicare che prendi questa tematica decisamente sul serio. Invece si è creato un polverone e durante una Coppa del Mondo non te lo puoi permettere… ma non posso dire che l’eliminazione sia frutto di tutto questo”.

Barnetta per il momento, però, non si sbilancia sul futuro di Petkovic (“non sono la persona giusta per dire se si deve dimettere”), ma sottolinea la differenza tra questa Nazionale uscita agli ottavi di finale contro la Svezia e la sua che nel 2006 si arrese contro l’Ucraina ai rigori, senza aver mai subìto un gol durante le partite disputate: “I fatti avvenuti in Turchia ci avevano uniti molto, ma quella odierna è una squadra con molta più classe individuale”.

Guarda anche 

A Sion solo un’illusione: questo Lugano proprio non va

LUGANO – Dopo il roboante e netto 3-0 di Sion, il Lugano era atteso al varco. I bianconeri avrebbero dovuto confermare quanto di buono visto al Tourbillon in settim...
08.03.2021
Sport

1960, l’Unione Sovietica prima regina d’Europa

Il calcio internazionale è in pieno fermento. Nel decennio che va dal 1950 al 1960 il numero delle squadre nazionali e di club è cresciuto in maniera...
08.03.2021
Sport

“Non ho mai perso la calma. Le critiche mi esaltano”

LUGANO - Basta un gesto, un tocco o un semplice dettaglio. Basta poco per far cambiare l’inerzia di una partita e se possibile provocare una svolta: è q...
07.03.2021
Sport

Il Lugano risorge in Vallese…

SION – Sarà stata l’aria di primavera a far (ri)sbocciare il Lugano. O, molto più probabilmente, sarà stata la classifica preoccupante a ...
05.03.2021
Sport