Sport, 23 agosto 2018

“La religione non è un criterio per acquisire giocatori”: a Gerusalemme strade aperte agli arabi

Questa la decisione presa dal presidente del Beitar Jerusalem

GERUSALEMME (Israele) – Hogeg Moshe, proprietario del Beitar Jerusalem, squadra di calcio israeliana, da sempre noto per gli eccessi anti-arabi dei suoi sostenitori, ha deciso di andare contro questa presa di posizione affermando che “ il Beitar non è un club razzista e che la religione non è più un
criterio per il reclutamento dei giocatori”, facendo intendere che potrebbe acquistare
giocatori arabi.

Il Beitar Jerusalem, squadra di spicco del calcio israeliano, ha la sue radici nella storia della destra nazionalista israeliana e non ha mai ingaggiato giocatori della comunità araba israeliana, che rappresenta il 17,5% della popolazione.

"Reclutare un giocatore unicamente perché è arabo sarebbe anche una forma di razzismo", ha detto Moshe Hogeg.

Guarda anche 

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Altro primato per CR7: è il più insultato sui social

MANCHESTER (Gbr) – Che voglia lasciare lo United, vista l’assenza della Champions League e il rapporto non idilliaco col neo tecnico Ten Hag, è cosa no...
04.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport

Gianluca Pessotto, il dramma di un calciatore perduto

TORINO (Italia) - Il 27 giugno 2006 l’Italia calcistica è nella bufera: l’inchiesta dei magistrati ha appena scoperchiato un sistema di corruzione...
29.07.2022
Sport