Sport, 23 agosto 2018

“La religione non è un criterio per acquisire giocatori”: a Gerusalemme strade aperte agli arabi

Questa la decisione presa dal presidente del Beitar Jerusalem

GERUSALEMME (Israele) – Hogeg Moshe, proprietario del Beitar Jerusalem, squadra di calcio israeliana, da sempre noto per gli eccessi anti-arabi dei suoi sostenitori, ha deciso di andare contro questa presa di posizione affermando che “ il Beitar non è un club razzista e che la religione non è più un
criterio per il reclutamento dei giocatori”, facendo intendere che potrebbe acquistare giocatori arabi.

Il Beitar Jerusalem, squadra di spicco del calcio israeliano, ha la sue radici nella storia della destra nazionalista israeliana e non ha mai ingaggiato giocatori della comunità araba israeliana, che rappresenta il 17,5% della popolazione.

"Reclutare un giocatore unicamente perché è arabo sarebbe anche una forma di razzismo", ha detto Moshe Hogeg.

Guarda anche 

“Sono pronto a tornare al mio posto, no problem”

LUGANO - Mattia Croci-Torti: bella vittoria contro lo Xamax. Magari a Chicago ci ripensano e la lasciano in panchina ancora per un po’…  Grazie pe...
20.09.2021
Sport

La Svizzera ringrazia l’YB… e quel rinvio col Lugano ora fa meno discutere

BERNA – Battere Cristiano Ronaldo. Superare il Manchester United. Diventare la seconda squadra contro cui il fenomeno portoghese ha sempre e solo perso in carriera,...
15.09.2021
Sport

In fuga dall’Afghanistan e dai Talebani: la nazionale di calcio femminile trova riparo

ISLAMABAD (Pakistan) – In fuga dall’Afghanistan, in fuga dai talebani. In fuga dalle assurde regole che (tra le tante aberrazioni anche più gravi) viet...
16.09.2021
Sport

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport