Ticino, 08 agosto 2018

Foletti: "La politica guarda il futuro nello specchietto retrovisore"

Intervista al Municipale di Lugano e Capo dicastero finanze Michele Foletti (LEGA). Dai buoni propositi del primo agosto, alle sfide della Città di Lugano

Ai festeggiamenti del primo agosto abbiamo sentito le allocuzioni di molti politici che hanno parlato di valori svizzeri e buoni propositi, quali sono i suoi?
Alla fine come non si possono non condividere le parole e i concetti detti un po’ da tutti. É come a Natale, siamo sempre tutti più buoni. E infatti il primo agosto è il natale della Patria. Poi ognuno valuterà se alle parole seguono i fatti.

Lei è municipale a Lugano, i tempi della campagna elettorale non sono distanti, cosa vorrebbe concludere ancora in questa legislatura prima che si passi solo a slogan elettorali?
Vorrei mettere la Città sulla strada del futuro. Abbiamo enormi potenzialità in questo momento di grandi cambiamenti sociali, economici e tecnologici. Dobbiamo saper coinvolgere chi è sul territorio ed è all’avanguardia a livello internazionale. E ci sono potenzialità enormi in Ticino. Ma la politica in generale non guarda al futuro, ha paura dei cambiamenti e ragiona spesso su strategie di retroguardia. Purtroppo i nuovi politici non hanno più ideali, né di destra, né di sinistra, ma ragionano unicamente in funzione del consenso elettorale. Una visione a corto termine che non ci permetterà più di contare su dei veri statisti capaci di far crescere il nostro paese. In un mondo che cambia a velocità siderale, abbiamo un classe politica che in maggioranza rimpiange il passato e guarda il futuro nello specchietto retrovisore.
Peccato, perché una realtà come quella della Città di Lugano, potrebbe essere un laboratorio eccezionale per diventare la città del futuro.


Lugano ha due grossi progetti sul tavolo, il polo sportivo e quello congressuale. Riusciremo a vederne la realizzazione? L`investimento per il LAC di 250 milioni ha influito nella politica degli investimenti della Città anche per queste strutture?
Certo l’investimento per il LAC ha insegnato almeno una cosa alla politica: non fare il passo più lungo della gamba.Si sarebbe potuto capirlo anche prima, ma non c’era la volontà di guardare in faccia la realtà delle cose.
In merito ai due grandi progetti sono abbastanza fiducioso sul Campo Marzio come polo turistico e congressuale, mentre sono molto più scettico sul progetto del polo sportivo: un progetto nato storto che finirà anche peggio. Non sappiamo ancora cosa costerà alla fine ai cittadini, lo chiedo dal 2013, ma nessuno mi dà una risposta. Una cosa è certa: non sarà totalmente finanziato dall’investitore privato.


AC

Guarda anche 

Casinò Lugano: Giochiamo a tutto, ma non con la salute!

Il Casinò ha ripreso la sua normale attività di gioco e intrattenimento, tenendo ovviamente conto della “nuova normalità” di ...
03.07.2020
Ticino

Finalmente gli attaccanti: Lugano una vittoria che sa di salvezza

LUGANO – C’era un Lugano, quello del pre-COVID, che in casa era stato capace di vincere soltanto due volte (una sola nel 2019) in tutto il campionato. C&rsquo...
02.07.2020
Sport

L’uomo del Ticino ha detto “basta”: il saluto a Fulvio Sulmoni

LUGANO – Ci sono giocatori che nella loro carriera, più che affezionarsi e legarsi a un club, preferiscono girare per il mondo, vestire diverse maglie, prova...
01.07.2020
Sport

Uncle Ben's e zia Jemini cambieranno logo, "sono stereotipi razziali"

Zia Jemini e lo zio Ben sono due volti estremamente popolari negli Stati Uniti (il secondo è conosciuto anche alle nostre latitudini) su scatole di sciroppo d'...
18.06.2020
Mondo