Sport, 01 agosto 2018

“Ho visto mia figlia Emmy galleggiare morta in acqua”

Ecco il drammatico racconto rilasciato da Bode Miller e da sua moglie in merito alla tragica morte della piccola di 19 mesi avvenuto lo scorso 18 giugno

“Era un giorno come gli altri; così come i precedenti i bambini nuotavano insieme a Bode per ore: lo adoravano”. Queste le prima parole rilasciate da Morgan Miller, moglie della stella dello sci Bode Miller, in un’intervista andata in onda lunedì dopo la morte accidentale della figlia Emeline di 19 mesi avvenuta lo scorso 18 giugno.

La famiglia quella mattina partecipò a una festa di compleanno mentre Morgan e la piccola Emeline nel pomeriggio si incontrarono con i nonni, prima di tornare a casa per salutare Bode che nel frattempo aveva accompagnata la figlia maggiore a una partita di softball. “Lui ha caricato la macchina quando siamo tornati a casa e gli ho dato un bacio. Improvvisamente Emmy è apparsa e le diedi un altro bacio. Questa cosa ci divertì molto perché era strana. Così ho baciato d nuovo Bode e lei ha fatto nuovamente la stessa cosa. Dopo di che sono entrato in casa con lei ed Emmy ha salutato suo padre”, ha spiegato Morgan molto turbata all’emittente americana NBC.

In seguito la stessa Morgan portò i bambini dai vicini, cosa che faceva regolarmente per poterli fare giocare insieme ai loro amichetti, mentre lei si sarebbe potuta bere un thé. “Emeline non era distante da me neanche 7-8 metri, ma improvvisamente c’è stato troppo silenzio, era tutto troppo tranquillo. Mi sono alzata e sono andata dagli altri bambini, chiedendo dove fosse Emmy. Prima che qualcuno potesse rispondere sapevo già cosa era accaduto: la porta del giardino, che di solito era chiusa a chiave, era socchiusa…. Il mio cuore si bloccò e vidi Emmy galleggiare in acqua”, ha continuato.

Morgan ovviamente saltò subito in acqua, ma ormai era troppo tardi: Emeline Miller, di 19 mesi, era già morta annegata nella piscina dei vicini. I medici non poterono fare nulla per lei, il cervello era rimasto senza ossigeno per troppo tempo.

Da allora, i Miller hanno imparato che l'annegamento è la principale causa di morte per i bambini tra gli uno e i quattro anni. "Nessuno me l'aveva mai detto, neanche un pediatra”, ha commentato Bode.
Ora vogliono mettere in guardia gli altri genitori in modo che nessuno possa vivere quel dramma che è toccato a loro:"Non è facile parlare di questa situazione – sottolinea Bode – ma pensare di poter aiutare a prevenire incidenti simili aiuta in qualche modo il processo di guarigione".

Guarda anche 

Arrestato a 13 anni, ora rischia la pena di morte

Arrestato a 13 anni, e da allora rinchiuso in carcere, Murtaja Qureiris (nella foto) è un ragazzo saudita che si trova di fronte a un futuro terribile. Adesso Qure...
09.06.2019
Mondo

Cercava di incassare un “13” al Totocalcio del 1981: muore d’infarto

TARANTO (Italia) – Alla Fine Martino Scialpi ci ha salutato, ha dovuto dire addio ai suoi cari, senza poter contare e vedere quel miliardo di vecchie lire che lo ha...
09.06.2019
Sport

Morire a 27 anni al Tourist Trophy: la triste fine di Daley Mathison

ISOLA DI MANN – Come spesso accade il Tourist Trophy sull’Isola di Mann, la corsa più famosa e prestigiosa del motociclismo internazionale, ancora una ...
04.06.2019
Sport

Canizares schock: “Reyes correva, non è un eroe!”

UTRERA (Spagna) – Il weekend appena trascorso verrà ricordato anche per la prematura morte di José Antonio Reyes, l’ex giocatore di Real Madrid,...
03.06.2019
Sport