Mondo, 23 luglio 2018

Cresce la pressione su Macron: il caso Benalla lo fa traballare (VIDEO)

Dalle stelle alle polemiche politiche. La vittoria del Mondiale di calcio per Macron può rivelarsi un incredibile autogol, molto peggio di quello segnato da Mandzukic alla finale di Mosca.

A infastidire i sogni notturni del presidente francese c'è infatti il caso Benalla, il collaboratore (nella foto a sinistra di Macron) registrato in un video mentre picchia un manifestante (vedi video sotto).


Oggi Macron, secondo Le Parisien, avrebbe ricevuto ieri all'Eliseo i ministri dell'Interno e della Giustizia Gérard Collomb e Nicole Belloubet per discutere della delicata vicenda. Domani, infatti, il ministro dell'Interno dovrà riferire in parlamento sulla questione. Il collaboratore è stato licenziato ed è agli arresti, ma per gli oppositori di Macron la lettera di licenziamento sarebbe arrivata troppo in ritardo. Quando ormai la polemica era scoppiata. Solo stasera, Le Monde, ha riporato brevi dichiarazioni del presidente affidate ai suoi collaboratori. L'inquilino dell'Eliseo ha riconosciuto che ci sono state "disfunzioni all'Eliseo" nel caso di Alexandre Benalla, definendo il suo comportamento "sorprendente e inaccettabile". Ma non è detto che sarà sufficiente a spegnere le polemiche.

 

Sono tre infatti le indagini aperte sul caso. Una quella del Parlamento, poi quella della magistratura e della polizia. Macron per ora si è trincerato dietro alle indagini reputando "non necessario" dire qualcosa. Ma anche nella sua maggioranza di governo c'è chi pensa che sarebbe necessario "comunicare velocemente e chiaramente per cercare almeno di fermare il caso". "Si cerca di coprire un affare di Stato dietro una procedura di licenziamento molto tardiva", ha detto ieri Laurent Wauquiez dei Repubblicani, assicurando che "Macron dovrà rendere conto ai francesi"

 

La procura di Parigi ha affidato a un giudice istruttore le indagini e per ora il collaboratore di Macron è indagato per le accuse di violenza e interferenze nell'esercizio di funzione pubblica rivolte. Insieme ad Alexandre Benalla, nella bufera è finito anche Vincent Crase (dipendente del partito del presidente La Republique En Marche). Per loro è già stata richiesta l'interdizione dai pubblici uffici. Intanto tre agenti di polizia, quelli che avrebbero trasmesso i filmati di videosorveglianza al Benalla, l'accusa ha chiesto che fosse loro vietato svolgere la funzione per la quale hanno commesso i presunti reati. Per tutti e cinque la Procura di Parigi ha ordinato l'arresto, quando fino a sabato sera erano solo stati fermati e tenuti in custodia di polizia.


E poco a poco nuove informazioni emergono sui media a proposito della figura di Alexandre Benalla. Come le sue frequentazioni, a partire dall'avvocato Karim Achoui, conosciuto per aver difeso figure controverse dell'islam francese e aver fondato nel 2013 « La Lega per la difesa giudiziaria dei musulmani » (LDJM). All'epoca Achoui avrebbe ricevuto minacce di morte e avrebbe contattato Benalla per ottenere la sua guardia del corpo. Contattato dalla televisione francese M6 Achoui ammette ci siano contatti ma sostiene che alla fine non se ne sarebbe fatto niente. « Era molto sensibile alla causa musulmana e alla missione della Lega per la difesa giudiziaria dei musulmana » afferma Achoui.

 

(Fonti : ilgiornale.it, valeursactuelles.com)


Guarda anche 

Sciopero generale, la Francia verso una settimana di paralisi

Gli utenti dei trasporti pubblici in Francia dovranno probabilmente armarsi di molta pazienza, soprattutto a Parigi, all'inizio di una settimana cruciale per la rifor...
09.12.2019
Mondo

La Francia si ferma, ha inizio lo sciopero generale che paralizzerà il paese

È iniziato oggi giovedì 5 dicembre lo sciopero generale in Francia in protesta al progetto di riforma delle pensioni del presidente Emmanuel Macron. Traspor...
05.12.2019
Mondo

Italia-Francia: Polizia usa gas urticante per stanare i migranti sul treno, panico tra i passeggeri

Scene di panico questa mattina sul treno regioanle delle 10.24 che collega la città italiana Ventimiglia al Principato di Monaco, passando quindi per la ...
25.11.2019
Mondo

Un anno di gilet gialli

Un anno di gilet gialli. Sabato dopo sabato, le manifestazioni in Francia che presero il via il 17 novembre 2018 nate sui social network, si sono amplificate in un&r...
18.11.2019
Mondo