Sport, 20 luglio 2018

Accolto il ricorso: Milan riammesso in Europa League

Ribaltata la sentenza Uefa: la prossima stagione la squadra rossonera giocherà in Europa League

Il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna accoglie il ricorso del Milan in merito alla squalifica che aveva escluso il club rossonero dalle competizioni sportive europee per la prossima stagione, a causa del mancato rispetto delle regole del Fair Play finanziario dal 2014 al 2017. 

Di seguito il comunicato ufficial del TAS dove si può leggere la motivazione che sta dietro alla decisione:

 Il Collegio del TAS incaricato del procedimento arbitrale ha parzialmente accolto le istanze del Milan ed ha deciso quanto segue:
- la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB del 19 giugno 2018 è confermata nella parte in cui stabilisce il mancato adempimento, da parte del Milan, del requisito del pareggio di bilancio;
- la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB del 19 giugno 2018 è annullata nella parte in cui stabilisce l’esclusione Milan dalla prossima competizione UEFA per la quale si sarebbe, altrimenti, qualificato nelle due stagioni successive (ovvero la stagione 2018/19 o la stagione 2019/20);
- il caso è rinviato all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB per l’irrogazione di una sanzione disciplinare proporzionata

Il Collegio del TAS ha rigettato la richiesta del Milan di ordinare all’UEFA la conclusione un accordo transattivo, ma ha stabilito che la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB di escludere il Milan dalle competizioni per club da essa organizzate non è proporzionata. Il Collegio ha ritenuto che alcuni elementi rilevanti non fossero stati adeguatamente considerati dall’Adjudicatory Chamber, o che gli stessi non potessero essere adeguatamente considerati al momento dell’emanazione della decisione appellata (il 19 giugno 2018), tra cui, in particolare, l’attuale situazione finanziaria del club, significativamente migliorata in seguito al recente cambio di proprietà dello stesso. Il Collegio ha deciso di rinviare il caso all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB in considerazione della relativa richiesta da parte del club e del fatto che l’Adjudicatory Chamber si trova in una posizione migliore, rispetto al Collegio del TAS, per irrogare una sanzione disciplinare proporzionata sulla base dell’attuale situazione finanziaria del club. Il Collegio ha emanato la decisione senza le motivazioni, che verranno rese in data successiva.

Guarda anche 

La beffa finale arriva al 94’: ciao ciao Europa League

KYEV (Ucraina) – Alla fine è terminata con un altro pareggio, con un altro piccolo punticino per il Lugano la campagna europea dell’Europa League 2019/...
13.12.2019
Sport

Allo stadio col coltello: in Italia ci è quasi scappato il morto

BOLOGNA (Italia) – Rischiare la vita per una partita di calcio. Rischiare la vita per un pantaloncino lanciato ai propri tifosi da un giocatore. Sembra folle raccon...
10.12.2019
Sport

Fiumi di milioni, ma la Formula 1 toglie l’amore: Bottas divorzia per lavoro

HELSINKI (Finlandia) – La vita del pilota di Formula 1 è contraddistinta da contratti milionari, da viaggi intercontinentali che scandiscono la vita e i mesi...
02.12.2019
Sport

Un sogno svanito per demeriti propri: Lugano quando ti ricapiterà?

SAN GALLO – Malmö, Copenaghen, Dinamo Kiev e Lugano. Quando ad agosto, al momento dei sorteggi, l’urna europea aveva regalato questo girone ai bianconeri...
29.11.2019
Sport