Sport, 20 luglio 2018

Accolto il ricorso: Milan riammesso in Europa League

Ribaltata la sentenza Uefa: la prossima stagione la squadra rossonera giocherà in Europa League

Il Tribunale Arbitrale dello Sport (TAS) di Losanna accoglie il ricorso del Milan in merito alla squalifica che aveva escluso il club rossonero dalle competizioni sportive europee per la prossima stagione, a causa del mancato rispetto delle regole del Fair Play finanziario dal 2014 al 2017. 

Di seguito il comunicato ufficial del TAS dove si può leggere la motivazione che sta dietro alla decisione:

 Il Collegio del TAS incaricato del procedimento arbitrale ha parzialmente accolto le istanze del Milan ed ha deciso quanto segue:
- la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB del 19 giugno 2018 è confermata nella parte in cui stabilisce il mancato adempimento, da parte del Milan, del requisito del pareggio di bilancio;
- la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB del 19 giugno 2018 è annullata nella parte in cui stabilisce l’esclusione Milan dalla prossima competizione UEFA per la quale si sarebbe, altrimenti, qualificato nelle due stagioni successive (ovvero la stagione 2018/19 o la stagione 2019/20);
- il caso è rinviato all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB per l’irrogazione di una sanzione disciplinare proporzionata

Il Collegio del TAS ha rigettato la richiesta del Milan di ordinare all’UEFA la conclusione un accordo transattivo, ma ha stabilito che la decisione dell’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB di escludere il Milan dalle competizioni per club da essa organizzate non è proporzionata. Il Collegio ha ritenuto che alcuni elementi rilevanti non fossero stati adeguatamente considerati dall’Adjudicatory Chamber, o che gli stessi non potessero essere adeguatamente considerati al momento dell’emanazione della decisione appellata (il 19 giugno 2018), tra cui, in particolare, l’attuale situazione finanziaria del club, significativamente migliorata in seguito al recente cambio di proprietà dello stesso. Il Collegio ha deciso di rinviare il caso all’Adjudicatory Chamber dell’UEFA CFCB in considerazione della relativa richiesta da parte del club e del fatto che l’Adjudicatory Chamber si trova in una posizione migliore, rispetto al Collegio del TAS, per irrogare una sanzione disciplinare proporzionata sulla base dell’attuale situazione finanziaria del club. Il Collegio ha emanato la decisione senza le motivazioni, che verranno rese in data successiva.

Guarda anche 

Un’Europa League da 560 milioni: la UEFA da i numeri, il Lugano si sfrega le mani

LUGANO – Fascino, prestigio, una vetrina sull’Europa, ma… anche tanti soldi che entreranno presto nelle casse del Lugano. Ecco cosa significa per i bia...
12.07.2019
Sport

Milano, immigrato ubriaco picchia a sangue autista dell’autobus

Un immigrato cileno di 39 ha mandato all’ospedale l’autista di un autobus dell’azienda di trasporto pubblico di Milano. Il sudamericano, intorno al...
17.06.2019
Mondo

20 giornate di squalifica all’arbitro, 30 al guardalinee: colpa di un gol fantasma

ASUNCION (Paraguay) – 20 partite di squalifica a un arbitro, 30 a un guardalinee: a leggerla così ci si potrebbe domandare cosa possano aver combinato e la r...
16.06.2019
Sport

Il Lugano d’Europa sarà di casa a San Gallo

LUGANO – Niente più Lucerna, per l’Europa League il Lugano ha deciso di cambiare “casa” e disputerà le sue partite casalinghe al Kyb...
03.06.2019
Sport