Mondo, 20 luglio 2018

"Il Consiglio dei diritti umani è il peggior fallimento dell'ONU"

L'ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU Nikki Haley (nella foto) ha lanciato un altro attacco contro il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) puntando il dito in particolare sulla presenza di Cina e Cuba tra i suoi membri.

 

Haley stava parlando al think tank della Heritage Foundation, spiegando le ragioni del ritiro statunitense dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite mercoledì. Ha individuato in Cuba, la Cina e il Venezuela come i paesi la cui presenza apparentemente appanna la credibilità del consiglio.

 

Indicando come problematici i requisiti per l'appartenenza al Consiglio e il suo presunto pregiudizio contro l'alleato degli Stati Uniti Israele, Haley ha detto che da quando è entrata in carica e fino ad adesso, “alcuni dei peggiori violatori di diritti umani ne fanno parte” citando le “dittature” di Cuba, Cina e Venezuela.

 

Ha preso di mira in modo particolare al Venezuela, criticando il consiglio per aver invitato il presidente del paese latinoamericano Nicolas Maduro, che lei ha definito un "dittatore", per un discorso nel 2015. Haley ha detto che non c'è da meravigliarsi che Maduro abbia ricevuto una standing ovation, dato che "il 62% dei membri del Consiglio non erano democrazie".

 

"[Il Consiglio per i diritti umani] ha focalizzato la sua attenzione ingiustamente e incessantemente su Israele e nel frattempo ignora la miseria, inflitta dai regimi in Venezuela, Cuba, Zimbabwe e Cina".

 

Ha poi riassunto la sua opinione sull'UNHRC definendolo "il più grande fallimento delle Nazioni Unite".

 

"A giudicare dal modo in cui ha disatteso i suoi obiettivi, il Consiglio dei diritti umani si è appropriato dell'idea della dignità umana... e l'ha ridotta ad un ennesimo strumento della politica internazionale", ha detto.

 

Gli Stati Uniti avevano formalmente annunciato la decisione di ritirarsi dall'UNHRC a giugno, criticando l'organismo internazionale come "protettore delle violazioni dei diritti umani e di un pozzo senza fondo di pregiudizi politici" per le sue critiche alle azioni di Israele nei confronti dei palestinesi. Il suo posto nel Consiglio è stato preso dall'Islanda in un voto a larga maggioranza a luglio.


(Fonte: rt.com)

Guarda anche 

Ecco cosa prevede il piano ONU per la Libia

Domenica alle 13:00 a Berlino tutti i capi di Stato ed i rappresentanti invitati per la conferenza sulla Libia saranno già al proprio posto: la tanto att...
19.01.2020
Mondo

L'ONU trasferisce 154 migranti direttamente per via aerea dall'Etiopia alla Germania

L'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), un'agenzia ONU che, come lascia intendere il nome, si occupa di migrazione ha organizzato martedì ...
21.10.2019
Mondo

Michele Moor: per una Svizzera indipendente

In Svizzera c’è chi, evidentemente afflitto da ansia da status, guarda alle istituzioni internazionali come centri depositari di ogni scienza infusa, che ...
07.10.2019
Opinioni

Trump alle Nazione Unite: "Il futuro non appartiene ai globalisti, ma ai patrioti e alle nazioni sovrane e indipendenti"

Nel suo discorso davanti alle Nazioni Unite a New York, Donald Trump ha promosso la sovranità sulla globalizzazione, spingendo i leader mondiali a mettere al primo...
25.09.2019
Mondo