Sport, 13 luglio 2018

La FIFA alza la voce: “Basta immagini sessiste con le tifose sexy in tv!”

Alle emittenti televisive verrà richiesto di non indugiare nelle riprese delle tifose sugli spalti

MOSCA (Russia) – Basta con le tifose sexy in tv durante le partite! Questo è ciò che verrà richiesto alle emittenti televisive dalla FIFA. Sembrerà strano ma è così. Il motivo? Sono immagini a carattere sessista.

Lo ha dichiarato il capo del dipartimento per la responsabilità sociale Fifa Federico Addiechi.

Lo stesso Addiechi ha sottolineato come durante il Mondiale i casi di sessismo sono stati più frequenti di quelli di razzism: si sono verificati numerosi casi di molestie da parte dei tifosi nei confronti di croniste.

La FIFA sottolinea che questa è una “normale evoluzione” visto che rispetto al precedente Mondiale, le riprese delle partite sono migliorate significativamente.

Addiechi ha poi ricordato che l’Organo mondiale del calio era già intervenuto nel lavoro delle emittenti tv anche in passato ma solo in "casi individuali e piuttosto evidenti".

Guarda anche 

Trema la Super League: un altro caso di COVID-19 in campo

ZURIGO - Nuovo caso di COVID-19 in Super League, questa volta in casa Zurigo: Mirlind Kryeziu, infatti, è risultato positivo al test. A comunicarlo è stato ...
10.07.2020
Sport

Lugano col cuore e da applausi: fermare questo San Gallo è una mezza impresa

LUGANO – Per capire cosa significhi mettere il cuore in campo e gettarlo oltre l’ostacolo… beh, bisognerebbe riguardare la partita disputata ieri sera ...
10.07.2020
Sport

“Neg*a di m***a!” sui social: cacciato in tronco

MONDOVÌ (Italia) – Pugno duro: non ha usato mezze misure il Monregale Calcio nei confronti del suo tesserato che si era reso protagonista di un video, divent...
10.07.2020
Sport

Gli Stati Uniti annunciano di aver ufficialmente lasciato l'Organizzazione mondiale della sanità

Il presidente americano Donald Trump ha ufficialmente avviato la procedura per il ritiro degli Stati Uniti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che...
08.07.2020
Mondo