Mondo, 29 giugno 2018

Il Mondiale è in pausa, la paura no: finti allarmi bomba a Samara

Un ospedale, una stazione della metro e diversi centri commerciali sono stati evacuati dopo alcune telefonate che avvertivano sulla presenza di alcuni ordigni

MOSCA (Russia) – Giornata di riposo oggi in Russia per quanto riguarda il calcio giocato, ma nelle ultime ore è la paura attentati a farla da padrona nel Paese che sta ospitando la Coppa del Mondo: così come accaduto a Nizhny Novgorod mercoledì sera, ieri è toccato a Samara venire presa di mira da finti allarmi-bomba.

A Samara, infatti, diversi centri commerciali, una stazione della metro e un ospedale sono stati evacuati dopo che erano giunte diverse telefonate che avvisavano della presenza di alcuni ordigni. La stessa cosa è accaduta anche a Rostov sul Don due giorni prima.

La polizia non ha però rinvenuto nessun ordigno.

Inoltre un uomo è stato fermato all’aeroporto di Domodevo perché aveva dichiarato di avere con sé un ordigno durante i controlli di rito: anche in questo caso si è trattato di un falso allarme.

Guarda anche 

FC Lugano: Mattia Bottani positivo al Covid

LUGAN O – Si allarga a macchia d’olio la situazione relativa ai contaggi da Covid-19 e, ovviamente, anche il mondo dello sport non può che esserne tocc...
28.10.2020
Sport

L’FC Lugano calma le acque: “Migliorano le condizioni di Renzetti”

LUGANO – Dopo le dichiarazioni rilasciate al “Blick” dal diretto interessato, l’FC Lugano ha rilasciato un comunicato in merito alle condizioni di...
25.10.2020
Sport

Renzetti spaventa tutti: “Non riuscivo a camminare. Dovevo appoggiarmi al muro: mi hanno ricoverato”

LUGANO – Lunedì 12 ottobre l’FC Lugano ha comunicato che il presidente Angelo Renzetti era risultato positivo al coronavirus. Dopo quella notizia si &e...
25.10.2020
Sport

L’ex Arno Rossini analizza la situazione in casa ACB

BELLINZONA - Arno Rossini è granata DOC. Dopo aver seguito tutta la trafila nel settore giovanile, nel 1976 è approdato in prima squadra (“&...
26.10.2020
Sport