Sport, 27 giugno 2018

Gli ottavi sono una realtà, ma la Svizzera lascia qualche dubbio

La Nazionale ha disputato la peggior partita di questo Mondiale pareggiando per 2-2 contro la Costa Rica. Nel turno successivo sfideremo la Svezia senza Lichtsteiner e Schär

NIZHNY NOVGOROD (Russia) – Gli ottavi di finale per la Svizzera sono cosa fatta, e affronteremo la Svezia. Questa è la nota positiva. Se contro gli scandinavi giocheremo come contro la Costa Rica, però, potremmo sudare freddo. Questa è la nota negativa. Una brutta Nazionale ha pareggiato per 2-2 contro i sudamericani e si è qualificata come seconda nel girone, visto il 2-0 rifilato dal Brasile alla Serbia.

I primi 45’ sono stati per lunga parte una vera e propria passione, una Via Crucis, lungo la quale Sommer e Akanji si sono erti a veri e propri baluardi: la parata dell’estremo difensore sul colpo di testa di Borges – certo che anche la traversa ha fatto il suo sul tiro di Colindres – e le coperture difensive del centrale del Dortmund ci hanno tenuto in vita contro un avversario che a lunghi tratti ci hanno messo in difficoltà. Quasi dal nulla, però, è arrivato come una liberazione il guizzo di Dzemaili (31’) che ci ha ridato ossigeno e un po’ più di tranquillità… anche se la sofferenza e la pressione costaricense non sono mai mancate.

Forti del vantaggio e dell’1-0 conseguito anche dal Brasile nei primi 45’, la Nazionale – che negli ottavi martedì contro la Svezia dovrà fare a meno di Lichtsteiner e Schär, ammoniti e squalificati – non è mai riuscita a invertire la tendenza mostrata nel primo tempo. Davvero troppo brutti, davvero troppo contratti, senza idee e in difficoltà nel fare quella corsa in più che serve in fase difensiva (Shaqiri in questo contesto è stato nullo): l’1-1 di Watson su azione d’angolo è stato praticamente inevitabile.

Il 2-0 brasiliano, per fortuna, ha messo in ghiaccio la nostra qualificazione, perché – a dir la verità – sul campo di Niznhy Novogorod abbiamo deluso. Gli unici veri brividi li abbiamo vissuti nei minuti conclusivi: prima Drmic, dopo un palo, ha siglato il momentaneo 2-1, mentre Ruiz su rigore – in realtà è stata un’autorete di Sommer – ha firmato il definitivo 2-2.

Al triplice fischio finale abbiamo potuto sorridere alla qualificazione, ma qualche dubbio in vista della Svezia resta…

Guarda anche 

L’Ucraina non ci sta e attacca la Svizzera: “Il medico di Lucerna non ha voluto fare i tamponi il giorno della partita”

KIEV (Ucraina) – C’è rabbia nelle fila dell’Ucraina dopo l’annullamento della sfida di Nations League di martedì quando a Lucerna i ...
22.11.2020
Sport

Abitare nel 2020: i nuovi modelli

Brülhart & Partners SA - L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ci ha costretti a trascorrere più tempo in casa per proteggere la nostra salut...
20.11.2020
Svizzera

115 milioni dal Governo, ma senza imitare gli altri sarà una stagione falsata

LUGANO – Il primo passo, ovvio e che si sarebbe dovuto fare già prima, è stato fatto: mercoledì Viola Amherd ha regalato una vera e propria boc...
20.11.2020
Sport

La CEDU ferma l'espulsione di un richiedente l'asilo perchè omosessuale

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato la Svizzera per aver voluto rimpatriare al suo Paese un cittadino gambiano che sostiene essere omosessuale...
17.11.2020
Svizzera