Sport, 25 giugno 2018

Nessuna squalifica per Xhaka, Shaqiri e Lichtsteiner!

La FIFA non ha inflitto nessuna sospensione ai tre giocatori elvetici dopo il gesto dell’Aquila bicipite avvenuto durante Serbia-Svizzera. Solo una multa per i tre calciatori

TOGLIATTI (Russia) – C’era molta attesa in casa Svizzera per il verdetto della FIFA in merito alle esultanze di Granit Xhaka, Xherdan Shaqiri e di Stephan Lichtsteiner compiute in occasione di Serbia-Svizzera di venerdì scorso. 

La FIFA alla fine ha deciso di non punire i tre giocatori, non infliggendo loro nessuna squalifica: rischiavano una sospensione di almeno 2 partite! 

Per loro è prevista solo una multa come comunicato dallo stesso Organo calcistico mondiale: "Il comitato disciplinare della FIFA ha sanzionato Xhaka, Shaqiri con una multa di 10'000 franchi a testa e il capitano Lichtsteiner con una multa di 5'000 franchi per aver infranto l'art. 57 del regolamento disciplinare della FIFA per comportamento antisportivo contrario ai principi del fair-play durante la celebrazione dei goal nella partita di venerdì scorso"

Petkovic e tutta la Nazionale, che domani mattina partiranno in vista di Nizhny Novgorod, possono quindi tirare un bel sospiro di sollievo in vista della sfida contro la Costa Rica e, soprattutto, in vista dell’eventuale ottavo di finale.

Guarda anche 

L’Ucraina non ci sta e attacca la Svizzera: “Il medico di Lucerna non ha voluto fare i tamponi il giorno della partita”

KIEV (Ucraina) – C’è rabbia nelle fila dell’Ucraina dopo l’annullamento della sfida di Nations League di martedì quando a Lucerna i ...
22.11.2020
Sport

Abitare nel 2020: i nuovi modelli

Brülhart & Partners SA - L’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ci ha costretti a trascorrere più tempo in casa per proteggere la nostra salut...
20.11.2020
Svizzera

115 milioni dal Governo, ma senza imitare gli altri sarà una stagione falsata

LUGANO – Il primo passo, ovvio e che si sarebbe dovuto fare già prima, è stato fatto: mercoledì Viola Amherd ha regalato una vera e propria boc...
20.11.2020
Sport

La CEDU ferma l'espulsione di un richiedente l'asilo perchè omosessuale

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) ha condannato la Svizzera per aver voluto rimpatriare al suo Paese un cittadino gambiano che sostiene essere omosessuale...
17.11.2020
Svizzera