Sport, 26 giugno 2018

VIDEO - Durmaz, svedese di origine turca, minacciato di morte per la punizione di Kross: “Non chiamatemi terrorista”

Il centrocampista aveva commesso l’ingenuo fallo su Werner che è valso il 2-1 alla Germania. Il giocatore chiede rispetto: “Accetto le critiche ma non le minacce alla famiglia”

GELENDZHIK (Russia) – La Svezia prova a fare quadrato intorno a Jimmy Durmaz, centrocampista svedese di origine turca reo del fallo ingenuo su Werner che sabato sera al 95’ ha permesso a Kross di trovare il 2-1 in favore della Germania: un gol, forse, pesante per il futuro di entrambe le nazionali.

La Federcalcio svedese ha pubblicato un video con un messaggio del giocatore stesso:

“Essere criticati fa parte dello sport, e va accettato - dice Durmaz nel video -. Ma non si può accettare l'essere chiamato terrorista, né le minacce di morte alla mia famiglia. Allo stesso tempo voglio ringraziare chi mi è stato vicino. Siamo la Svezia: siamo o non siamo uniti?" chiede Durmaz. 

La risposta dei suoi compagni è chiara e immediata: “Vaff… razzismo”.

Il profilo Instagram di Durmaz era stato preso di mira con messaggi razzisti, vista l’origine turca della famiglia.

Guarda anche 

Da Erdogan alla Siria, al calcio: il saluto militare dei giocatori turchi

ISTANBUL (Turchia) – Per ora il gesto non viene condannato, ma la Uefa ha deciso di indagare su quanto avvenuto a Istanbul, al termine del match vinto per 1-0 dalla...
14.10.2019
Sport

Maledizione, Schmeichel! Svizzera, ora c’è la partita della vita

COPENAGHEN (Danimarca) – Evidentemente se non ci complichiamo la vita non siamo contenti! Così come nel match di andata contro la Danimarca avevamo sciupato ...
13.10.2019
Sport

Dai guanti e il caschetto… alla maschera e i pattini: Cech diventa portiere… di hockey

GUILDFORD (Gbr) – Si è ritirato lo scorso maggio dopo aver perso la finale di Europa League col suo Arsenal contro il Chelsea, è stato per anni uno de...
10.10.2019
Sport

Renzetti scopre le carte: “Mai cercato il post Celestini. Junior? Era tutto fatto col Basilea”

LUGANO – Sembrava essere diventato nero, cupo e incredibilmente scuro il cielo sopra Cornaredo e sopra la testa di Fabio Celestini ma, come spesso accade nel calcio...
08.10.2019
Sport