Sport, 24 giugno 2018

Xhaka-Shaqiri: arriva il procedimento della FIFA

Azione mossa anche contro il ct della Serbia: “A quanto pare solo i serbi vengono punti, prima il maledetto Tribunale dell’Aja, ora il VAR”, sono state le sue parole

MOSCA (Russia) - Dalle parole ai fatti: la FIFA alla fine ha aperto un procedimento contro Xhaka e Shaqiri per la loro esultanza a sfondo politico dopo le reti realizzate contro la Serbia.

 

Complicato capire se avranno soltanto una multa, che è comunque probabile, o arriverà una sanzione più seria. Il tutto verrà deciso, secondo logica, prima di mercoledì quando la Nazionale sfiderà la Costa Rica.

 

La FIFA però non ha chiuso gli occhi neanche sulle dichiarazioni del ct serbo, Krstajic: “Purtroppo solo i serbi, a quanto pare, vengono condannati sulla base di una giustizia selettiva. Prima il maledetto Tribunale internazionale penale dell’Aja, oggi il Var”, sono state le sue parole.

 

Un confronto davvero senza senso tra uno sterminio di massa e il calcio, visto che fu proprio il Tribunale dell’Aja a analizzare e decidere in merito al genocidio nell’ex Jugoslavia.

 

Salvo invece Lichtsteiner, anche lui reo di aver fallo il gesto dell’Aquila.

Guarda anche 

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

“Mi volete cedere? Datemi 51'000'000 o resto a giocare a golf”

MADRID (Spagna) – Fischiato lungo quasi tutta la stagione dai suoi tifosi, nonostante sia il secondo marcatore del club, messo in panchina senza toccare mai il terr...
21.05.2019
Sport

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera