Mondo, 19 giugno 2018

Aquarius, per far posto ai migranti fanno sloggiare gli studenti

Con l'arrivo in Spagna di centinaia di migranti domenica scorsa le autorità spagnole hanno intimato a degli studenti locali di lasciare la residenza in cui abitano per far posto ai nuovi arrivati.

Centinaia di migranti sono arrivati domenica scorsa con Aquarius, la nave di una ONG tedesca finita al centro dell'attenzione mediatica dopo che l'Italia le aveva rifiutato di attraccare in un porto italiano.
 
Diversi studenti della residenza studentesca locale sono ora costretti a lasciare le loro case, nonostante abbiano già pagato le spese di alloggio, in modo che i migranti che arrivano dalla Libia possano essere ospitati, riferisce il quotidiano spagnolo Actualidad Valdepeñas.
 
Ruben, un giovane studente di lingua tedesca ad Alicante, che in futuro ha intenzione di vivere e lavorare in Germania, ha pagato 750 € al mese per la sua stanza, è uno degli studenti costretto a lasciare a lasciare la sua abitazione.
 
Sua madre ha detto che Ruben ha dovuto lasciare la residenza per fare spazio ai migranti dell'Acquario: "Ci hanno detto che non possono rimanere lì perché i migranti arrivano con molte malattie".
 
"È come se per risolvere un problema ne causiamo altri, e questo per noi è un grosso problema perché al momento non c'è nessun luogo ad Alicante dove mio figlio possa vivere e continuare i suoi studi. Andremo lì per vedere se riusciamo a trovare qualcosa, ma sarà molto difficile dato che tutto è già prenotato per i mesi estivi ", spiega.
 
La madre di Ruben non crede che ciò possa essere dovuto a un "problema di salute", altrimenti le autorità locali non avrebbero certamente ospitato centinaia di migranti malati nel centro di una città turistica come Alicante.
 
Sabato 16 giugno, le autorità hanno annunciato che Ruben e gli altri studenti, in tutto circa un centinaio, avevano solo 24 ore per recuperare le loro cose e lasciare la residenza.

Guarda anche 

Canone TV, le fatture sbagliate di Serafe finiscono sui banchi del parlamento

Gli errori di fatturazione di Serafe, la nuova ditta di riscossione del canone radiotelevisivo all'inizio dell' anno preoccupano la commissione di gestione del Co...
23.02.2019
Svizzera

La "Casa degli orrori", i genitori ammettono le torture

David e Louise Turpin, accusati di aver rapito, incatenato e maltrattato dodici dei loro tredici figli nella loro "casa degli orrori", si sono dichiarati colpev...
23.02.2019
Mondo

Quando conta… non ci sei mai! Lugano, i playoff così puoi solo sognarli

LUGANO – Chi dopo la goleada di martedì a Losanna aveva pensato: “Finalmente, ecco il Lugano. Finalmente si rivede una squadra”? Chi dopo il 7-0 ...
23.02.2019
Sport

Infermiere arrestato, svolta nell'inchiesta: è accusato di omicidio intenzionale

Nell'ambito del procedimento penale per sospetti maltrattamenti in danno di alcuni pazienti del reparto di Medicina 1 dell'Ospedale regionale di Mendrisio, il Min...
22.02.2019
Ticino