Mondo, 19 giugno 2018

Aquarius, per far posto ai migranti fanno sloggiare gli studenti

Con l'arrivo in Spagna di centinaia di migranti domenica scorsa le autorità spagnole hanno intimato a degli studenti locali di lasciare la residenza in cui abitano per far posto ai nuovi arrivati.

Centinaia di migranti sono arrivati domenica scorsa con Aquarius, la nave di una ONG tedesca finita al centro dell'attenzione mediatica dopo che l'Italia le aveva rifiutato di attraccare in un porto italiano.
 
Diversi studenti della residenza studentesca locale sono ora costretti a lasciare le loro case, nonostante abbiano già pagato le spese di alloggio, in modo che i migranti che arrivano dalla Libia possano essere ospitati, riferisce il quotidiano spagnolo Actualidad Valdepeñas.
 
Ruben, un giovane studente di lingua tedesca ad Alicante, che in futuro ha intenzione di vivere e lavorare in Germania, ha pagato 750 € al mese per la sua stanza, è uno degli studenti costretto a lasciare a lasciare la sua abitazione.
 
Sua madre ha detto che Ruben ha dovuto lasciare la residenza per fare spazio ai migranti dell'Acquario: "Ci hanno detto che non possono rimanere lì perché i migranti arrivano con molte malattie".
 
"È come se per risolvere un problema ne causiamo altri, e questo per noi è un grosso problema perché al momento non c'è nessun luogo ad Alicante dove mio figlio possa vivere e continuare i suoi studi. Andremo lì per vedere se riusciamo a trovare qualcosa, ma sarà molto difficile dato che tutto è già prenotato per i mesi estivi ", spiega.
 
La madre di Ruben non crede che ciò possa essere dovuto a un "problema di salute", altrimenti le autorità locali non avrebbero certamente ospitato centinaia di migranti malati nel centro di una città turistica come Alicante.
 
Sabato 16 giugno, le autorità hanno annunciato che Ruben e gli altri studenti, in tutto circa un centinaio, avevano solo 24 ore per recuperare le loro cose e lasciare la residenza.

Guarda anche 

Il giudice politicizzato ed i fascisti climatici

Una sentenza scandalosa, degna di una Repubblica delle banane. Questa è l’unica definizione possibile per l’astrusa decisione, presa dal giudice unico ...
17.01.2020
Opinioni

Si collega al monitor dell'aeroporto per giocare alla Playstation

Le attese negli aeroporti, si sa, possono essere lunghe ed estenuanti. C’è chi ne approfitta per leggere, chi per dormire e chi, invece, per...giocare alla P...
17.01.2020
Magazine

"Il volantino informativo sulla legittima difesa è distorto"

Non è piaciuto a Giorgio Ghiringhelli l'opuscolo informativo sull'iniziativa popolare "Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legi...
17.01.2020
Ticino

Gestore finanziario rinviato a giudizio, si è appropriato di grosse somme

Il Ministero pubblico comunica che la Procuratrice pubblica Chiara Borelli ha rinviato a giudizio dinanzi a una Corte delle assise Criminali un 59enne gestore patrimonial...
17.01.2020
Ticino