Sport, 05 giugno 2018

Balotelli: "È brutto avere la cittadinanza solo a 18 anni, da giovane ho vissuto anni difficili"

Mario Balotelli
TORINO – Ha spesso fatto parlare di sé per i suoi atteggiamenti dentro e fuori dal campo, spesso fuori dalle regole, quasi sempre eccentrici. È stato spesso preso di mira dai “tifosi” delle squadre avversarie, o anche della sua stessa Nazionale, non solo per i suoi atteggiamenti ma anche per il colore della sua pelle – lo striscione comparso settimana scorsa a San Gallo durante l’amichevole giocata dall’Italia contro l’Arabia Saudita ne è una dimostrazione – ma questa volta Mario Balotelli ha parlato non esattamente di calcio, ma di cittadinanza, di leggi e di Ius soli.

“Si parla tanto di immigrazione, io sono nato in Italia, cresciuto in Italia e mai stato in Africa, purtroppo – ha spiegato – È brutto avere la cittadinanza solo a 18 anni, da giovane per me sono stati gli anni più difficili. Io però non sono un politico, non è il mio campo, e per me è difficile lanciare un appello in Italia. Ma in questi casi penso che la legge debba essere cambiata: mi sento di lanciare un appello per questo”.

Balotelli ha raccontato la sua sofferenza vissuta da ragazzo durante la presentazione del ibro “Demoni”: “Quando ero piccolo la vivevo diversamente, perché era tutto più pesante, c’erano cose che non capivo: ora le so e provo a trovare un modo per cambiarle, ma non è facile. Nella mia vita ci stato stati tanti razzisti, ma anche tanta ignoranza e paura della diversità, ma si può cambiare piano piano”, ha sottolineato.

“Visto che ce l’avevano con me, pensavo che avessi qualcosa: prendevo il tutto come un punto di forza. Penso che per la nuova società siano importanti i bambini, io sono diventato padre nuovamente poco fa: bisogna crescerli in un determinato modo con certe idee, anche se alla fine sono gli adulti a creare i problemi. Io ho avuto la fortuna di avere genitori che mi sono stati vicini e mi hanno fatto capire le cose: ora che sono famoso mi sento che devo dare un esempio, specialmente ora che sono maturato”, ha chiosato.

Guarda anche 

San Siro trema e traballa: Inter e Milan tengono a precisare…

MILANO (Italia) – Ha fatto molto discutere e temere la notizia giunta pochi giorni fa, secondo lui lo stadio di San Siro, fiore all’occhiello del calcio milan...
22.04.2019
Sport

Rogo di Notre Dame: il PSG non dimentica

PARIGI (Francia) – A una settimana di distanza dal rogo devastante che ha danneggiato la cattedrale di Notre Dame, a Parigi si può tornare a sorridere e anch...
22.04.2019
Sport

San Siro traballa: ora è allarme vero

MILANO (Italia) – È soprannominato la Scala del calcio, è il fiore all’occhiello della Milano sportiva, anche se presto verrà abbandonato...
21.04.2019
Sport

Incredibile ma vero: tifosi del Benfica sbagliano Francoforte! Si ritrovano a 600 km dallo stadio

FRANCOFORTE SUL MENO (Germania) – Oltre al danno, la beffa. Non solo il Benfica ieri sera è stato eliminato dall’Eintracht Francoforte, nonostante il 4...
19.04.2019
Sport