Svizzera, 05 ottobre 2018

Lanciato il referendum contro la direttiva UE sulle armi

Il popolo sarà probabilmente chiamato a decidere sull'inasprimento della legge sulle armi, decisa in seguito ad una direttiva europea che i paesi membri dell'accordo Schengen/Dublino sono obbligati a riprendere. A partire da martedì, i tiratori saranno in grado di raccogliere le firme per il loro referendum. Di pari passo con l'UDC, hanno denunciato venerdì un "diktat" dell'UE.

La revisione della legge mira a rafforzare le condizioni di detenzione delle armi. Deriva dalle misure antiterrorismo dell'Unione europea (UE).
Poiché questo è uno sviluppo dell'acquis di Schengen, la Svizzera si è impegnata a riprendere la legislazione europea entro maggio 2019.

Libertà e sovranità in questione

Per la comunità di interesse del tiro svizzero (CIT), che difende gli interessi di 14 associazioni, il testo adottato dal Parlamento nell'ultima sessione è ancora troppo severo. Lo stesso vale per la libertà e la sovranità della Svizzera, ha detto ai media Luca Filippini, presidente della Federazione svizzera di tiro sportivo. Gli oppositori della revisione della legge assicurano inoltre di non mirare alla denuncia della partecipazione della Svizzera a Schengen / Dublino. "La denuncia di questi accordi non è il nostro obiettivo", ha affermato Berner Werner Salzmann. Secondo il Vallese Jean-Luc Addor, questo argomento è usato per spaventare gli svizzeri.

Inasprimento inutile

I referendari lanciano la raccolta firme con lo slogan "no al diktat dell'UE che ci disarma". Denunciano una legge "liberticida, ingiusta, inutile, pericolosa e antisvizzera". Secondo Addor, la revisione della legge viola il principio di proporzionalità. Non c'è corrispondenza tra le restrizioni proposte e l'obiettivo di sicurezza ricercato.

La nuova legislazione sarebbe inutile perché nessun attacco è stato commesso con un'arma legale. La Svizzera rimane uno dei paesi più sicuri mentre la Francia, che ha un diritto più restrittivo alle armi, vive da tre anni in uno stato di pseudoemergenza, afferma il democentrista vallesano.
I vari oratori hanno chiesto di non applicare una legge che porterà gli svizzeri a perdere sempre più diritti e libertà. Il diritto di possedere un'arma è ancestrale e con questa legge ne faremmo un privilegio, ha detto Jean-Luc Addor. La revisione della legge distruggerebbe il rapporto di fiducia tra lo stato e il soldato della milizia.

Peggio ancora, secondo i referendari, l'applicazione della direttiva europea sarebbe pericolosa. Creerebbe un mostro burocratico e devierà la polizia dai suoi compiti di sicurezza sul terreno. Ciò porterebbe anche a una diminuzione della densità delle armi legali, che eroderebbe l'effetto deterrente sui criminali.

Guarda anche 

Lugano, tanti rammarichi e qualche graffio. L’Ambrì pur soffrendo vola

LUGANO – E ora la classifica, anche se siamo solamente alla fine del primo turno di regular season e di hockey ce n’è ancora tanto da giocare, inizia a...
20.10.2018
Sport

Dalla foto-polemica con Macron al carcere per violenza e stupefacenti

Uno dei due giovani ripresi in una foto scattata alla fine di settembre con Emmanuel Macron a Orléans, è stato condannato ieri a otto mesi di carcere, quatt...
20.10.2018
Mondo

Usa, la sinistra picchia duro: botte a chi sostiene Trump

Negli Stati Uniti si aggira uno spettro inquietante: è quello della “guerra civile”. Esagerazione? A giudicare dagli innumerevoli e...
19.10.2018
Mondo

Partecipa a un programma caritatevole e assume nove rifugiati siriani, dopo una settimana di lavoro non si presentano più

Partecipa a un programma caritatevole avente l'obiettivo di integrare i rifugiati nel mercato del lavoro ma la sua iniziativa finisce in un calvario economico e buroc...
19.10.2018
Mondo