Sport, 16 maggio 2024

Massima resa, col minimo sforzo: la Svizzera continua il suo cammino

Quarta partita e quarta vittoria per la Nazionale di Fischer che al momento comanda il Gruppo A del Mondiale

PRAGA (Rep. Ceca) – Non ha passeggiato, a livello di gol, ma ha fatto il suo: la Svizzera, ieri, ha colto il suo quarto successo nel Mondiale in corso d’opera a Praga e Ostrava, battendo per 3-0 la Gran Bretagna, fanalino di coda del Gruppo A e seria candidata a retrocedere al termine della manifestazione iridata. Ha fatto il suo la Svizzera, dicevamo, perché seppur con qualche sbavatura e qualche penalità di troppo, quando i giochi erano ormai fatti, i rossocrociati non hanno praticamente consesso mai nulla ai loro rivali, che sono stati a lunghi tratti schiacciati nel loro terzo.
 
 
Ha fatto il suo la Svizzera, perché pur non dilagando a livello numerico sul tabellino dei marcatori, ha potuto festeggiare sia il primo gol in questa manifestazione di Niederreiter – fondamentale quando le cose si faranno dannatamente serie – sia lo shutout di Schimd, il giovane portiere rossocrociato a cui Fischer
ha deciso di consegnare ieri la porta elvetica.
 
 
Ha fatto il suo la Svizzera, ieri contro la Gran Bretagna, perché ha giocato come fanno le grandi squadra quando affrontano le cosiddette piccole: ha schiacciato subito sull’acceleratore, ha messo subito le cose in chiaro, ha trovato immediatamente l’1-0 e poco dopo il 2-0, ha anche sprecato un rigore, e poi ha gestito, sia la partita che le proprie forze.
 
 
Ha fatto il suo la Svizzera, perché con questi 11 punti ottenuti in 4 partite, può guardare con fiducia ai prossimi impegni, a partire da quello di sabato alle 11:20 contro la Danimarca, che sarà delicato e decisivo per le sorti della nostra Nazionale, visto che poi al varco ci attendono il Canada (domenica sera alle 20:20) e la Finlandia (martedì alle 20:20). Insomma… sarà una settimana intensa quella che attende Josi e compagni.

Guarda anche 

Dal Parlamento un primo passo verso un divieto del velo islamico nelle scuole

In Svizzera potrebbe presto essere vietato di indossare il velo islamico nelle scuole. Il Consiglio nazionale ha infatti approvato un postulato in questo senso con 104 vo...
12.06.2024
Svizzera

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Il triste e immeritato “addio” del Sabba

LUGANO – Il giorno dopo si ragiona meglio, a mente fredda, con meno crampi alla pancia ma con qualche pensiero in più. Non per forza più lucido, ma si...
03.06.2024
Sport

Quando il “come” fa più male della sconfitta

LUGANO – Nello sport, e nel calcio in particolare, le frasi fatte, le frasi retoriche spesso e volentieri si sprecano. Si dice, quando si perde, che “si esce ...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto