Sport, 14 maggio 2024

Veni, vidi, vici: Fiala docet

Prestazione mostruosa del talento dei Kings che ha preso per mano la Svizzera, sorretta anche da un superlativo Genoni e da un complesso tornato a giocare un hockey accorto e quadrato: la Cechia si arrende ai rigori

PRAGA (Rep. Ceca) – Era atterrato proprio ieri a Praga, dopo la nascita della figlia e dopo aver ricevuto l’ok dai medici e dalla moglie stessa. Era atterrato proprio ieri a Praga, in quella Praga a cui è comunque molto legato per averci vissuto per diversi anni da piccolo, vista la nazionalità ceca del padre, e per giocare proprio contro la Cechia. Era atterrato proprio ieri a Praga, lì dove nel 1918 la Cecoslovacchia sancì la propria indipendenza dall’Impero Austroungarico. Era atterrato proprio ieri a Praga, per fare la differenza e dare una svegliata a una Svizzera apparsa troppo disattenta nelle prime due uscite del Mondiale ceco. È atterrato ieri a Praga, Kevin Fiala per disputare una partita sontuosa, segnata da un gol da lustrarsi gli occhi e un rigore da lasciare a bocca aperta. 

 
 
Ma con lui è stata tutta la Svizzera ieri a offrire una prestazione finalmente convincente, quadrata, tosta, gagliarda per la quale avremmo potuto anche accettare una sconfitta ai rigori, ma che invece – dopo il pareggio di quello sniper incredibile che porta il nome di Stransky – si è trasformata in un successo grazie alle trasformazioni chirurgiche dello stesso Fiala e di Kurashev.
 
 
A differenza di quanto visto contro la Norvegia, e soprattutto contro l’Austria, ieri la formazione guidata da Fischer ha saputo ritrovare gli equilibri, le alchimie, le giocate e le intese che tutti si attendono da giocatori del calibro di Josi, Niederreiter, Hirschier, Loeffel, Marti… ovvero sia in fase offensiva che, soprattutto, in fase difensiva. E poi, se ce ne fosse ancora bisogno, Genoni ha saputo confermare che quando la posta in palio è importante, lui è sempre pronto: per buona pace di Berra, e anche di Schmid, quando i giochi inizieranno a farsi importanti, sarà sempre il goalie dello Zugo a difendere i nostri pali.
 
 
Il successo ottenuto ieri contro una Cechia sorretta e sospinta da un pubblico caldo, caldissimo, sotto le volte della O2 Arena di Praga, potrebbe anche risultare importantissimo per quanto concerne la classifica del Gruppo A: i 2 punti di vantaggio sui padroni di casa, e lo scontro diretto a favore, potrebbero pesare in maniera determinante quando si dovranno tirare le somme. Già perché arrivare quarti nel nostro girone vorrebbe quasi sicuramente dire dover incrociare i bastoni contro quella Svezia che, oltre a rappresentare da sempre la nostra bestia nera, in questo momento è assolutamente ingiocabile. 

Guarda anche 

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Il triste e immeritato “addio” del Sabba

LUGANO – Il giorno dopo si ragiona meglio, a mente fredda, con meno crampi alla pancia ma con qualche pensiero in più. Non per forza più lucido, ma si...
03.06.2024
Sport

Quando il “come” fa più male della sconfitta

LUGANO – Nello sport, e nel calcio in particolare, le frasi fatte, le frasi retoriche spesso e volentieri si sprecano. Si dice, quando si perde, che “si esce ...
03.06.2024
Sport

Lugano, Berna è dannatamente amara

BERNA – Non aveva mai vinto in stagione contro il Servette e non ce l’ha fatta neanche nella finale della Coppa Svizzera: il Lugano chiude la stagione con uno...
02.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto