Sport, 29 aprile 2024

Lugano-Servette: a Berna per ribaltare il campionato e confermare la cabala

In stagione i bianconeri non hanno mai battuto i granata, ma lo scorso anno si imposero ai rigori nella semifinale di Coppa

LUGANO – Domenica 2 giugno. Col campionato ancora apertissimo e con la lotta al vertice aperta a ogni possibilità, dal 2 maggio saranno in vendita i biglietti per la terza finale consecutiva di Coppa Svizzera per il Lugano. Un risultato incredibile, unico, che si spera venga concretizzato domenica 2 giugno al Wankdorf di Berna. I bianconeri in quell’occasione se la vedranno col Servette – capace ieri di beffare in Winterthur in trasferta negli ultimi minuti di partita – e proveranno a bissare il successo ottenuto due anni fa contro il San Gallo, cercando così di dimenticare la sconfitta patita 12 mesi fa contro l’YB. 

 
 
Non sarà un mese facile per i ragazzi di Croci-Torti, perché se l’appetito vien mangiando, è innegabile che Sabbatini e compagni proveranno fino all’ultimo a scalzare l’YB dal trono della Super League, fin da sabato quando se la vedranno col San Gallo. I bianconeri dovranno essere bravi a mettere da parte il pensiero e le emozioni per la prossima finale di Coppa Svizzera, per concentrare le loro forze – specialmente mentali – nella rincorsa ai gialloneri, per tentare di centrare quel trionfo che manca addirittura dal 1949! Ma attenzione al Servette…
 
 
Già, proprio quel Servette che il prossimo 2 giugno scenderà in campo contro il Lugano a Berna, ma che in campionato si trova in terza posizione, a -2 dagli stessi bianconeri e a -8 dall’YB. Un Servette capace in stagione di non perdere mai contro la truppa allenata da Croci-Torti e in grado di batterla sia a Cornaredo (lo scorso 8 ottobre), sia in casa propria (il 18 febbraio), oltre a fermarla sul 2-2 tra le mura amiche il 17 dicembre.
 
 
Il Lugano dovrà quindi provare a ribaltare questo andazzo stagionale, provando a confermare quanto avvenuto il 5 aprile dell’anno scorso, quando, imponendosi per 3-2 ai rigori allo Stade de Genève, si qualificò per la finale della Coppa. Allora decisero la doppietta di Aliseda, il pareggio in pieno recupero di Crivelli e il rigore fallito da Mbabu. Che sia di buon auspicio?

Guarda anche 

“Io allo United? Cantona picchiava i tifosi, Rooney andava con le nonne, Giggs con la cognata: mi sarei trovato benissimo”

LONDRA (Gbr) – Paul Gascoigne lo conosciamo: non ha peli sulla lingua, è uno spirito libero, un ex calciatore dal talento immenso, che ha sempre rappresentat...
11.06.2024
Sport

Calcioscommesse: Paquetà rischia la squalifica a vita

LONDRA (Gbr) – L’incubo del calcioscommesse torna minacciare in maniera clamorosa il calcio professionistico e ora sotto la lente d’ingrandimento c&rsqu...
07.06.2024
Sport

“Sì, era rigore”. Ma come si fa ad accettarlo in epoca VAR?

LUGANO – Ormai qualche giorno è passato, quel gusto amaro della sconfitta, della beffa, dell’occasione mancata è iniziato a passare. In casa Lug...
04.06.2024
Sport

Sabbatini, niente più campo in maglia bianconera

LUGANO - L’FC Lugano comunica che il contratto da giocatore di Jonathan Sabbatini, in scadenza il 30 giugno 2024, non verrà rinnovato. La societ&ag...
03.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto