Svizzera, 18 aprile 2024

Spesa in Svizzera, poca differenza di prezzo tra un negozio e l'altro

Sono ormai passati più di 10 anni dall'arrivo in Svizzera dei discounter tedeschi Aldi e Lidl. Al momento del loro insediamento, e ancora oggi nelle pubblicità, questi negozi al dettaglio tedeschi hanno promesso prodotti meno cari rispetto alla concorrenza. Ma sarà vero? Il programma “A bon entendeur” dell'emittente romanda RTS ha fatto la spesa in tutti e cinque i dettaglianti diffusi in Svizzera (Aldi, Lidl, Denner, Migros e Coop) per capire se ci fosse veramente una differenza nei prezzi dei prodotti da un negozio all'altro. E il risultato può soprendere: per gli stessi prodotti i discounter tedeschi offrono un risparmio compreso tra sei e sette franchi su una spesa di circa 160 franchi. E il più caro dei 5 è Denner.

Per il loro test, i giornalisti della RTS hanno comprato 30 generi alimentari di base, scegliendo sempre i più economici offerti. Prosciutto, patate, pasta e altri generi alimentari costano a Denner 181,67 franchi. La Migros è seconda in classifica con un totale di 179,37 franchi. La spesa poi alla Coop costa 167,82 franchi. Da Aldi sono 166,59 franchi, da Lidl 162,05 franchi.

Per il discount più antico della Svizzera la situazione era un po' diversa. Infatti, il giorno del test, il negozio Denner dove si è recato ABE non aveva più bistecche di hamburger premium. Ma prendendo un po' di altezza, è soprattutto la minima differenza tra le marche a colpire, mentre le fatture ammontano a più di 160 franchi.



La differenza di prezzo tra un negozio e l'altro è quindi minima ma RTS riconosce che Aldi e Lidl, che nel 2020 rappresentavano il 17,1% del mercato alimentare, si distinguono con prodotti biologici più economici rispetto a Coop o Migros. È optando per margini più bassi che i supermercati tedeschi offrono prodotti biologici vantaggiosi.

La trasmissione rivela inoltre che la maggior parte dei marchi costa allo stesso modo ovunque. Il brodo Knorr, la maionese Thomy o la Coca-Cola, ad esempio, non sono più economici presso i discount. Il che non rappresenterebbe un problema in Svizzera. Il programma ha intervistato Patrick Krauskopf, professore di diritto dei cartelli. Spiega che i paesi vicini tengono d'occhio i prezzi maggiormente rispetto agli svizzeri. Ma in Svizzera gli acquirenti prestano maggiore attenzione alla qualità del servizio. "Il prezzo è quasi secondario", dice il professore.

Guarda anche 

Prima ondata di licenziamenti da Migros, toccati 150 posti di lavoro

Martedì la Migros comunicherà i primi licenziamenti programmati nell'ambito della ristrutturazione annunciata lo scorso ebbraio. Quasi 150 persone potre...
18.05.2024
Svizzera

Mister prezzi accusa Coop e Migros di praticare la “scusaflazione”

Il Sorvegliante dei prezzi Stefan Meierhans accusa Coop e Migros di “scusaflazione”. Termine utilizzato quando un'azienda approfitta dell'inflazione g...
15.05.2024
Svizzera

Denner introduce dei mega-robot per fare le pulizie

Denner sta attualmente testando l'utilizzo di robot di pulizia in quattro dei suoi negozi. Le macchine dovrebbero occuparsi di “attività di pulizia pi&ug...
05.05.2024
Svizzera

Andrea Sanvido nominato vice-capogruppo del gruppo parlamentare della Lega

Il granconsigliere Andrea Sanvido è stato designato oggi vice-capogruppo del gruppo parlamentare leghista, al posto della dimissionaria Sabrina Aldi. Quest'ult...
13.03.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto