Sport, 31 marzo 2024

Sesta vittoria di fila: Lugano inarrestabile

I bianconeri si sono ripresi la rivincita contro lo Stade Losanna che a inizio anno si era imposto a sorpresa a Cornaredo

LOSANNA - Non ci sembra il caso di fare voli pindarici,tuttavia... Tuttavia, ammettiamolo, sognare non costa nulla. E allora, dopo aver registrato la sesta vittoria consecutiva dei bianconeri fra Super League e Coppa Svizzera (eliminato il Basilea, avversario martedì sera a Cornaredo), lanciamo uno sguardo alla classifica e ci accorgiamo che i leader Young Boys, con una partita in meno, e Servette, battuto ieri dalla rivelazione Winterthur, sono a soli 5 punti. Come dire: il cammino verso il traguardo è ancora lungo e lastricato di ostacoli ma a questo Lugano niente è precluso. Perchè se riesce a vincere anche giocando male, come successo ieri alla Pontaise contro il fanalino di coda Stade Losanna, significa che il complesso ceresiano ha grandi valori morali e tecnici, ad immagine di coach Croci Torti, che ieri ha inizialmente proposto il 3-4-3, schierando Marques e Aliseda, titolari per la prima volta da inizio campionato. 



Il Lugano, come prevedibile, ha preso in mano le redini del gioco, senza tuttavia crearsi delle vere e proprie occasioni. E tutto ciò sino alla pausa. Poco prima lo Stade si era ritrovato in dieci per via dell’espulsione di Diakité, autore di un brutto fallo su Bislimi.


Nel secondo tempo i bianconeri hanno continuato a giocare sotto ritmo e senza troppe idee. Semmai da rilevare l’infortunio di Hajrizi, sostituito da Sabbatini. Più il tempo scorreva e più si cominciava a pensare che questo Stade fosse davvero la bestia nera del Lugano (ricordate il 2-3 di Cornaredo nella prima sfida di ritorno?). Un brutto pensiero che si è rafforzato quando Saipi ha dovuto intervenire su Camara e Ajdini in due circostanze distinte e pericolose. Poi però, in modo piuttoso casuale, a 14 minuti dal fischio finale, ecco arrivare la rete di Doumbia. Tre minuti dopo è giunto il raddoppio di Celar e nel finale il 3-0 firmato da Przybylko (al primo gol assoluto in bianconero). Sui titoli di coda i vodesi hanno trovato la rete della bandiera con Damascan su rigore.

Guarda anche 

1'000'000 di dollari: venduto all’asta il tovagliolo con cui il Barca acquistò Messi

LONDRA (Gbr) – Un cimelio che resterà nella storia del calcio e che è stato pagato una fortuna. Certo, non saranno i milioni di euro incassati ogni an...
19.05.2024
Sport

Per Mattia Croci Torti ultimi ostacoli da sormontare

LUGANO - Il momento è bianconero: la squadra vola in SuperLeague e fra un paio di settimane disputerà la terza finale consecutiva d...
20.05.2024
Sport

Lugano straripante, ma l’YB ha le mani sul titolo

LUGANO – A ripensare alle sconfitte casalinghe rimediate contro lo Stade Lausanne e contro il San Gallo, al pareggio in casa del Winterthur, ci sarebbe da mangiarsi...
17.05.2024
Sport

“Si anticipi la costruzione del nuovo asilo di Lugano”

La realizzazione di un nuovo asilo nido a Lugano deve avvenire al più presto. Ne sono convinti un gruppo di consiglieri comunali della Lega dei Ticinesi (Andrea Sa...
14.05.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto