Svizzera, 24 gennaio 2024

Fa finta di essere cieco e riesce a incassare più di mezzo milione di franchi

Per quasi dieci anni una coppia ha ingannato le autorità facendo credere che il marito fosse affetto da gravi disturbi alla vista e ha intascato prestazioni sociali per centinaia di migliaia di franchi. I due compaiono davanti al tribunale distrettuale di See-Gaster (SG) con l'accusa di frode professionale.

Gravi problemi agli occhi, vertigini, allergie e mal di schiena cronico: ecco di cosa si lamentava l'uomo. Aveva bisogno di essere accompagnato anche per fare la spesa e per prendere i mezzi pubblici. Ha affermato che poteva essere solo un passeggero in un'auto. Secondo lui i contatti sociali erano possibili solo con l'aiuto di terzi. I medici hanno concluso che si trattava di un disturbo psichiatrico, come riportato da “Südostschweiz”.



Nonostante tutte queste cosiddette restrizioni, all’epoca l’uomo oggi 63enne ha vissuto molto comodamente con sua moglie. Una grande casa, due auto, una barca e vacanze regolari, come scrive il pubblico ministero nell'atto di accusa. La coppia avrebbe finanziato ll proprio stile di vita frodando per anni l'assicurazione per l'invalidità (AI) incassando più di 570'000 franchi. Da mercoledì l'ormai ex coppia dovrà rispondere delle proprie azioni davanti al tribunale distrettuale di See-Gaster (SG).

Per più di dieci anni l'uomo si è presentato come gravemente malato mentalmente e fisicamente con la complicità della moglie. Secondo il "Südostschweiz" il ministero pubblico suppone che tra il 2003 e il 2014 gli imputati abbiano percepito illegalmente rendite dell'AI. In seguito agli inganni anche la cassa pensioni e il terzo pilastro avrebbero pagato dei soldi.

Sebbene la moglie lavorasse, il tenore di vita della famiglia non era elevato. Nel 2012 ha confermato che per suo marito un'attività professionale era impensabile, cosa che è stata smentita da informazioni anonime pervenute nell'agosto 2013 all'Ufficio delle assicurazioni sociali di San Gallo. Su mandato dell'autorità è stato poi osservato per tre periodi tra novembre 2013 e marzo 2014. È emerso che l'imputato si muoveva senza restrizioni, guidava un'auto, faceva la spesa da solo e non usava mai bastoni da passeggio. Secondo l'accusa avrebbe fatto escursioni, partecipato a feste e avrebbe persino aperto un negozio online.

Durante un colloquio di accertamento dell'ufficio AI con i medici e la coppia nel maggio 2014, l'imputato si presentò con un bastone da cieco, occhiali scuri e una cintura di sostegno lombare. Secondo la moglie avrebbe dovuto aiutarlo ad alzarsi dal letto e anche a infilarsi i pantaloni, spiega “Südostschweiz”.

Ma l'inganno è stato smascherato. I pagamenti del fondo pensione sono stati quindi sospesi. Nell'agosto 2015 un esperto ha accertato la sua piena capacità lavorativa. L'unica diagnosi era: presentazione dimostrativa del reclamo e comportamento notevole. La coppia si è opposta in tribunale alla sospensione della pensione AI. Nel 2022, tuttavia, una nuova perizia ha confermato ancora una volta la piena capacità lavorativa dell'imputato. È accusato di aver costruito per molti anni una rete di menzogne ​​difficilmente verificabili.

Il processo inizierà questo mercoledì a Jona (SG). La coppia è accusata di frode professionale. Dovranno restituire 285mila franchi ciascuno. La Procura chiede anche tre anni e mezzo di reclusione per l'uomo e tre anni per la donna.

Guarda anche 

Per la prima volta le casse malati contestano l'apertura di un ospedale

Ora basta, sostengono le organizzazioni mantello Santésuisse e Curafutura. Appena poche settimane dopo l'annuncio dell'imminente apertura di un nuovo centr...
25.04.2024
Svizzera

Arbedo-Castione, aperta inchiesta per frode elettorale e incetta di voti

La Procura ticinese ha ufficialmente avviato un'indagine penale sulle schede manipolate ad Arbedo-Castione emerse nel voto di domenica scorsa. L'indagine &egrav...
18.04.2024
Ticino

Responsabili di un centro per omosessuali accusati di aver abusato di minori in difficoltà

Scandalo nella comunità omosessuale della Svizzera orientale. Due gestori di un centro d'incontro per giovani queer sono andati a letto con adolescenti venuti ...
17.04.2024
Svizzera

L'eutanasia del suo gatto in fin di vita gli vale una condanna

Uccidere il proprio gatto, anche se questi è in fin di vita, può costare una condanna penale. Lo ha scoperto un uomo residente a San Gallo, che è sta...
30.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto