Svizzera, 28 dicembre 2023

Espulso dopo aver passato 17 anni in Svizzera ad accumulare denunce

Dopo 17 anni trascorsi in Svizzera e numerosi precedenti penali, un cittadino kosovaro dovrà andarsene, nonostante abbia moglie e figli domiciliati qui. Il Tribunale federale ha appena confermato la decisione della Segreteria di Stato della migrazione di ritirare il permesso di soggiorno a un trentenne kosovaro che da diciassette anni vive nel canton Vaud.

Giunto illegalmente in Svizzera, aveva sposato una donna portoghese, cosa che gli ha permesso di ottenere un permesso di soggiorno attraverso il ricongiungimento familiare. Divorziato poi risposato con una kosovara con cui avrà due figli. Nel suo ricorso, sottolinea di non aver chiesto prestazioni sociali e che la legge prevede che una persona possa conservare il diritto di soggiorno se è sposata da più di tre anni con una persona che gode di questo diritto. È il caso della sua ex moglie portoghese.

Ma l’argomento non ha funzionato. Il Tribunale federale ricorda che questa disposizione si applica solo in combinazione con un'altra condizione: essere ben integrati. Ciò che non è il suo caso. Guida di un veicolo senza patente, impiego reiterato di stranieri senza autorizzazione, usura, incitamento all'ingresso, all'uscita o al soggiorno irregolare: l'uomo “è stato condannato non meno di nove volte”, rileva il TF. Ha trascorso anche alcuni mesi in prigione. “Il semplice fatto che l’interessato non abbia mai ricevuto assistenza sociale, che abbia contribuito ai bisogni della sua famiglia e si sia preso cura dei suoi figli ha poca importanza data la sua fortissima propensione a non rispettare l’ordinamento giuridico svizzero, ” giudica il TF.



Nonostante l'uomo dica di “partecipare in modo significativo alla vita economica della sua regione dando lavoro a molte persone e pagando tutti gli oneri sociali e fiscali”. Tuttavia “è stato condannato per aver impiegato stranieri senza autorizzazione e per aver violato la legge sull'AVS, prima che la sua azienda fallisse”, gli risponde la massima istanza svizzera.

Quindi deve andarsene. Per quanto riguarda la sua famiglia, possono scegliere di seguirlo o restare. Il TF rileva che la donna ha sposato il marito in un momento in cui la sua situazione giuridica era già “precaria” e quindi “ha corso il rischio di dover vivere la sua vita di coppia in Kosovo, di cui è anche cittadina, e deve ammettere lasciare la Svizzera se non sopporta di vivere lontana dal marito”, conclude il TF.

Guarda anche 

Richiedente l'asilo respinto vince al Tribunale federale e chiede 60'000 franchi di risarcimento

Un richiedente l'asilo respinto ha vinto la causa contro il Canton Appenzello Esterno. Il Tribunale federale ha infatti stabilito che le autorità non hanno ris...
16.04.2024
Svizzera

Vive da sola in un appartamento sussidiato di 6 locali e il comune non può sfrattarla

In questi tempi di mancanza di alloggi c'è una persona che non ha problemi di spazio: una pensionata che abita sola a Zurigo in un appartamento di 6 locali fin...
13.04.2024
Svizzera

Condannato a 18 anni di carcere e espulsione per aver mutilato la moglie

Un cittadino brasiliano è stato condannato martedì pomeriggio a una pena detentiva di 18 anni di carcere e all'espulsione dalla Svizzera per 15 anni. I ...
20.03.2024
Svizzera

Il Consiglio degli Stati vuole espellere gli eritrei in un paese terzo

Gli eritrei che non possono essere espulsi perchè il loro paese d'origine non accetta il loro rinvio vanno rimandati verso paesi terzi. È quanto deciso ...
14.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto