Mondo, 04 dicembre 2023

La Francia ignora per la prima volta una sentenza della CEDU per espellere un jihadista

Il governo francese ha ignorato per la prima volta una decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) e ha deportato nel suo paese d’origine un cittadino uzbeko legato a organizzazioni terroristiche.

Il quotidiano francese Le Monde ha riferito venerdì che il migrante di 39 anni era stato espulso dalla Francia il 14 novembre, nonostante la CEDU si fosse pronunciata contro la decisione del Ministero degli Interni a causa del rischio percepito di tortura al suo ritorno in Uzbekistan.

“È un punto di svolta”, ha osservato Lucie Simon, l’avvocato specializzato in immigrazione. “Il Ministero degli Interni sta deliberatamente violando una sentenza della Corte che si applica alla Francia”, ha aggiunto.

Il ministro dell'Interno francese Gérald Darmanin ha mantenuto la decisione presa dal suo dipartimento, insistendo sul fatto che il migrante era "noto alla polizia per le sue radici nel movimento filo-jihadista" ed è stato quindi rimpatriato nel suo paese d'origine dopo una permanenza in un centro di detenzione.



Darmanin ha insistito, sulla scia dell'attacco terroristico di Arras, durante il quale
un islamista ceceno ha accoltellato a morte l'insegnante Dominique Bernard il 13 ottobre, sul fatto che il governo francese avrebbe intensificato le deportazioni di sospetti jihadisti.

Secondo quanto riferito, l'ufficio di Darmanin ha dichiarato venerdì al quotidiano francese Mediapart di aver aumentato le deportazioni del 30% dopo l'attacco rispetto al resto dell'anno. In un'intervista al Journal du Dimanche il 22 ottobre, Darmanin ha inoltre affermato che la sicurezza dei cittadini francesi avrà la precedenza sui diritti umani dei sospetti jihadisti.

“Quello su cui insisto è di non aspettare la decisione presa dalla Corte europea dei diritti dell’uomo quando il tribunale amministrativo, la Corte d’appello e il Consiglio di Stato si saranno pronunciati a favore dello Stato”, ha affermato.


Guarda anche 

Anche per il Consiglio nazionale la sentenza della CEDU contro la Svizzera non deve essere seguita

La sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che condanna la Svizzera per la sua inazione sul clima non è decisamente del gusto del Parla...
13.06.2024
Svizzera

Una coppia di turisti svizzeri brutalmente aggredita in Francia

Una coppia di turisti svizzeri è stata aggredita violentemente lunedì pomeriggio per strada nella cittadina francese di Huningue, vicino a Basilea. Sono sta...
07.06.2024
Mondo

I giovani UDC pubblicano un'immagine che raffigura un terrorista vicino al vincitore di Eurovision, media e sinistra si scandalizzano

Che cosa hanno in comune l'attentatore di Mannheim e il vincitore di Eurovision Nemo? Entrambi sarebbero una minaccia per la libertà, stando alla sezione giova...
06.06.2024
Svizzera

Il Consiglio degli Stati non vuole che la Svizzera rispetti la sentenza della CEDU sul clima

Mercoledì il Consiglio degli Stati ha adottato con 31 voti favorevoli e 11 contrari una dichiarazione critica che condanna la Confederazione per l'inazione sul...
06.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto