Sport, 15 settembre 2023

Finalmente si riparte: buon campionato a tutti!

Questa sera scendono in pista per la prima volta in stagione le due ticinesi con due impegni casalinghi

LUGANO – Ci eravamo lasciati col Ginevra campione e col Bienne sconfitto. Col Lugano uscito ai quarti di finale, dopo aver superato lo scoglio dei pre playoff (conquistati all’ultimo respiro e con una sofferenza inaudita), e con l’Ambrì che aveva dovuto salutare la compagnia già dopo le 52 giornate di campionato. Ora ci ritroviamo, dopo il preambolo di mercoledì, con la sfida Friborgo-Losanna, con la nuova stagione pronta a ripartire, che freme, che morde il freno, come la maggior parte dei tifosi e degli interessati.
 
 
Sarà una stagione sicuramente entusiasmante e interessante, nella quale sembrerebbe esserci una netta favorita – lo Zurigo – ma ormai sappiamo che la carta e le parole del pre-stagione servono a poco o a nulla. Come sempre sarà il ghiaccio a dire la sua. Un esempio lo abbiamo visto proprio l’anno scorso: chi a settembre 2022 vedeva il Ginevra vincente? Praticamente nessuno, se non pochissimi. 

 
 
Sarà un campionato al quale Lugano e Ambrì si approcciano da outsiders. I bianconeri, che hanno cambiato molto, moltissimo, anche per quanto riguarda gli stranieri, sono pronti ad affidarsi anima e cuore alle idee di Luca Gianinazzi che ha mostrato, anche l’anno scorso, di poter avere le stigmate dell’head coach in grado di gestire un gruppo di uomini veri, e non solo di ragazzini dell’U20. Sarà un Lugano – quello che scende in pista stasera contro il Bienne – nel quale Mark Arcobello non sarà più il centro e il fulcro del gioco, ma sarà invece un Lugano capace di affidarsi a più linee, con molti stranieri d’attacco e uno solo in difesa, sarà un Lugano molto più giovane e vivace, che guarda ovviamente al presente – l’obiettivo è quello di arrivare tra le prime sei in regular season – ma anche al futuro, abbracciando diversi ragazzi che con lo stesso Gianinazzi sono cresciuti.
 
 
L’Ambrì si appresta ad esordire contro il Rapperswil con qualche partenza di lusso – leggasi Heim e Chlapik – e con qualche arrivo di rilievo, come quelli di Dauphin, Eggenberger e Douay. Certo, il lavoro che attende Cereda non è di quelli facili, anche perché i leventinesi arrivano da una stagione in cui i cali di tensione e di rendimento hanno fatto tutta la differenza di questo mondo e durante la quale, tolte le prime bocche da fuoco offensive, si è visto ben poco anche per quanto concerne i numeri nudi e crudi. L’head coach fino a ottobre dovrà fare a meno anche di Zwerger, nella speranza che il folletto offensivo torni sui livelli mostrati ormai qualche stagione fa.
 
 
Insomma, non si è ancora partiti e già siamo qui a fare analisi e previsioni, quando invece dovremmo sederci e goderci lo spettacolo. Buon campionato a chi a fine stagione potrà gioire, buon campionato a chi si mangerà le mani al termine della finale, buon campionato a chi raggiungerà i proprio obiettivi e a coloro che li bucheranno, buon campionato alle rivelazioni e alle sorprese stagionali e buon campionato a chi sarà una delusione, buon campionato a chi finirà a giocarsi i playout e a chi si qualificherà ai playoff, buon campionato a chi dovrà passare per il delicato play-in (una delle novità stagionali) e a chi saluterà tutti dopo la regular season. Insomma, buon campionato a tutti, arbirtri compesi, ma soprattutto a voi lettori.

Guarda anche 

Fiala fa e disfa, ma la Svizzera è in crescita

PRAGA (Rep. Ceca) – Alla fine la prima sconfitta in questo Mondiale di hockey in corso d’opera a Praga poteva arrivare e, a dirla tutta, meglio che sia arriva...
20.05.2024
Sport

Per Mattia Croci Torti ultimi ostacoli da sormontare

LUGANO - Il momento è bianconero: la squadra vola in SuperLeague e fra un paio di settimane disputerà la terza finale consecutiva d...
20.05.2024
Sport

“Mondiale di grande livello. Occhio alla nostra nazionale”

LUGANO - Dopo l’edizione del 2015 la Cechia, con Praga e Ostrava, ospita nuovamente il Mondiale del gruppo A e il pubblico sta rispondendo in massa in modo gio...
19.05.2024
Sport

Lugano straripante, ma l’YB ha le mani sul titolo

LUGANO – A ripensare alle sconfitte casalinghe rimediate contro lo Stade Lausanne e contro il San Gallo, al pareggio in casa del Winterthur, ci sarebbe da mangiarsi...
17.05.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto