Svizzera, 28 agosto 2023

Ci sono spie eritree nei centri per richiedenti l'asilo svizzeri

Spie eritree avrebbero operato per anni nei centri per richiedenti l'asilo svizzeri per conto del governo eritreo. Secondo quanto rivela un'inchiesta di “CH Media”, gli agenti eritrei avrebbero cercato di interferire nelle domande d'asilo dei richiedenti eritrei. In particolare, sono stati intimiditi dagli interpreti e interrogati sulla loro situazione familiare.

Una persona interessata, che è stata imprigionata e torturata nel suo paese, afferma che i suoi parenti e conoscenti hanno ricevuto una visita dalle autorità poche settimane dopo il suo interrogatorio e gli è quindi stato estorto del denaro.

Si parla anche di verbali manipolati. Secondo quanto riferito, gli interpreti non hanno ritradotto i rapporti, il che ha impedito ai richiedenti asilo di verificare le loro dichiarazioni registrate. In alcuni casi, funzionari eritrei avrebbero manipolato le domande di asilo e in modo da ottenere il ritorno degli eritrei politicamente perseguitati.



Un rifugiato eritreo residente in Svizzera testimonia che gli interpreti sospetti sono effettivamente arrivati ​​in Svizzera nell'ambito di un'azione orchestrata dal governo eritreo. Si dice che lui stesso abbia formato più di 1'500 interpreti per tali missioni quando lavorava per il governo eritreo. Dopo la sua fuga avrebbe incontrato alcuni degli interpreti che aveva formato alla scuola per agenti – e questo nei centri d'asilo svizzeri.

Il sospetto che agenti eritrei operino all'interno delle autorità locali circola da tempo. Già nel 2015 il Consiglio federale aveva ammesso che c'erano possibilità concreta della loro presenza e aveva dato compito alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM) di smascherare gli informatori tra gli interpreti.
Interrogata da "CH Media", la SEM ha tuttavia dichiarato di prendere sul serio i rimproveri e di avere tutto l'interesse a indagare su questi casi il più rapidamente possibile. Raccomanda agli eritrei caduti nelle grinfie degli interpreti di rivolgersi alla polizia.

Guarda anche 

Gli abitanti di una cittadina svittese si organizzano contro l'apertura di un centro per richiedenti l'asilo

Il comune di Arth, nel canton Svitto, conta poco più di 10'000 abitanti. Eppure più di un migliaio di loro erano presenti mercoledì sera nella pa...
20.04.2024
Svizzera

Richiedente l'asilo respinto vince al Tribunale federale e chiede 60'000 franchi di risarcimento

Un richiedente l'asilo respinto ha vinto la causa contro il Canton Appenzello Esterno. Il Tribunale federale ha infatti stabilito che le autorità non hanno ris...
16.04.2024
Svizzera

L'Associazione dei Comuni svizzeri lancia l'allarme sull'asilo, "una situazione insostenibile"

Sempre più spesso i rifugiati vengono assegnati ai comuni senza una previa decisione in materia di asilo. Una situazione insostenibile secondo il vicepresidente de...
07.04.2024
Svizzera

La politica di asilo di Beat Jens fa litigare il partito socialista

Il consigliere federale Beat Jans, entrato in carica lo scorso dicembre, si è finora contraddistinto per aver introdotto alcune restrizioni nella politica d'as...
06.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto