Svizzera, 26 agosto 2023

Ragazza spara al padre che stava strangolando la madre, la giustizia la assolve

Una giovane residente nel canton Zurigo era accusata di omicidio per aver sparato al padre 47enne mentre questi aggrediva la madre. La figlia della coppia, allora 18enne, ha cercato di intervenire mentre il padre stava strangolando la moglie. Furioso, l'uomo l'ha respinta urlando: "Vi ammazzo tutti". Fu allora che la giovane sparò quattro volte al padre. L'uomo è morto sul colpo.

Per la difesa si è trattato di una situazione di doppia legittima difesa e ha quindi chiesto l'assoluzione della giovane. Il padre aveva sparato alla moglie all'avambraccio prima di inginocchiarsi su di lei per strangolarla. Poi è intervenuta l'imputata e, in preda alla rabbia, l'uomo stava per aggredire la propria figlia.

Quando il giudice le ha chiesto come si sentisse riguardo a questo atto oggi, lei in lacrime ha risposto: "Soffro molto". Ma non vedeva altra via d'uscita, anche se dice di rimpiangere la morte di suo padre. "Se non avessi sparato, mia madre non sarebbe qui."

Il padre di famiglia abusava fisicamente e psicologicamente della famiglia, sottolinea l'avvocato. Il pubblico ministero ha affermato nella sua argomentazione conclusiva che il 47enne era visto come un "re" all'interno della sua famiglia.



Il Pubblico Ministero chiedeva invece una pena di 5 anni di reclusione per omicidio colposo, perché la ragazza aveva spinto indietro il padre, che era disarmato sul letto: “L'imputata ha preso la rivoltella e aveva quindi il controllo dell'arma. Avrebbe potuto minacciare il padre con una pistola, ma a quel punto non si trattava più di legittima difesa, visto che aveva sparato quattro volte alla schiena e alla testa”.

La difesa sottolinea che la giovane ha dovuto agire in una frazione di secondo. "In preda al panico, ha premuto il grilletto quattro volte." Anche disarmato, il 47enne aveva una corporatura e una forza imponenti contro cui le due donne non potevano competere.

La Corte si è infine pronunciata a favore dell'omicidio colposo causato da una situazione di legittima difesa e ha assolto la giovane che riceverà un risarcimento di 16'200 franchi per i 54 giorni di carcere preventivo. Il giudice ha stabilito che non c'erano prove che indicassero un'eventuale cospirazione tra la madre e la figlia, come sospettato dai parenti del padre. La chiamata d’emergenza è stata illuminante per il giudice. La giovane ha accettato la sentenza con gli occhi pieni di lacrime prima di lasciare il tribunale per cadere tra le braccia dei suoi cari.

Guarda anche 

Spara a un gatto che l'ha morso, in tribunale viene assolto

Lo scorso settembre, un ottantenne residente nel canton San Gallo si stava rilassando nel suo giardino quando il gatto di sua figlia gli salì in grembo. Mentre l&#...
11.06.2024
Svizzera

Pagano 6'000 franchi di affitto ma non hanno l'acqua calda

Negli ultimi anni il costo degli affitti è aumentato notevolmente in Svizzera. In particolare in alcune regioni, come la città di Zurigo, il prezzo per affi...
09.06.2024
Svizzera

Due ricercati per un violento omicidio in Germania arrestati in Svizzera

Due cittadini turchi sospettati di essere gli autori di un violento omicidio a Berlino sono stati arrestati a Ginevra la settimana scorsa. I due uomini, di 17 e 21 anni, ...
08.06.2024
Svizzera

Una madre si difende dall'accusa di aver ucciso la figlia di 8 anni

Una madre ha ucciso freddamente la sua figlia di otto anni perché non accettava più di doverla crescere da sola? È questa la domanda a cui dovr&agrav...
07.06.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto